Mese: gennaio 2017

Sarebbero quarantasette

Essendo nato l’8 gennaio 1970, oggi ho compiuto 47 anni. Non è che la cosa mi faccia così piacere; me ne sento 20, ne dimostro qualcuno in più, ho la netta percezione del tempo che passa, e un po’ mi girano… Non essendo particolarmente avvezzo alle feste comandate (mi piace dire che ogni giorno cerco  di trovare motivi per festeggiare), figuratevi quanto possa essere lieto nel celebrare il compleanno, anche perché non ho mai splendidi ricordi su questo giorno (per dire: anni addietro, finii in un fosso con l’auto…). Insomma, un po’ mi girano. Però, oggi ho avuto un sacco di testimonianze d’affetto, anche con la complicità di Facebook che avverte gli amici, inducendoli agli auguri. Sono parecchi quelli che mi hanno scritto in privato, che hanno usato WhatsApp, gli sms, quelli che hanno telefonato, quelli che si ricordano senza l’aiuto dei social network… Avrei un bel po’ di grazie da dispensare, anche a chi con regali, materiali e non, ha mostrato vicinanza.  Ps: oggi, alla guida, sono stato particolarmente prudente…

varie-115

Vorrei ringraziare Beppe Grillo

Vorrei ringraziare Beppe Grillo per avere, improvvisamente, fatto rivalutare i giornali. I giornali veri, dico; quelli che sono registrati in tribunale, che hanno un direttore responsabile (che, dunque, risponde in prima persona), quelli che hanno inviati, corrispondenti e redattori la cui “mission” è informare, creare dibattito serio, cercare di costruire. Nelle democrazie, di solito, succede. Accade anche che il giornalista sia considerato il cane da guardia del cittadino: una bella tutela, dunque, per chi ha il diritto-dovere di essere informato. Da ieri, con Grillo, abbiamo scoperto che invece è il cittadino a dover essere il cane da guardia del giornalista. Non è proprio la stessa cosa. Grillo, che sa parlare al popolo degli scontenti (molti, sempre più, con un’infinità di motivi per lamentarsi) ha buone intuizioni che, però, spesso lo portano a deragliare. Francamente, l’idea della giuria popolare per valutare giornali e tivù mi sembra un’autentica strampaleria più che una provocazione. I giornalisti rispondono ai loro lettori, sovrani quando vanno in edicola (o quando impugnano  il telecomando, o quando sono davanti al computer, nel caso di informazione sul web). E’ un tribunale, quello dei lettori, che personalmente temo molto. Evidentemente non hanno le medesime preoccupazioni quelli che sentenziano  dai blog e dai social, strumenti senza vincoli né  controllo. Un’eccezionale espressione di libertà, per carità. Ma francamente sono un’altra cosa,  che – malgrado le pecche dell’Ordine dei giornalisti e il discutibile lavoro di chissà quanti di noi   – ancor oggi proprio non riesco a preferire.

grillo

 

Corsa, nebbia, sole e piedi per terra

Gli affezionati a questo sito sapranno ormai che il primo post dell’anno parla di running. Ormai da qualche tempo, inizio l’anno correndo. Ore 9, appuntamento con un ristretto gruppetto di amici per il canonico “giro dell’argine”. Stamani a tenermi compagnia c’era solo Gianluca; gli altri, attratti da mare e montagna, immagino ci abbiano seguito col pensiero. Iniziare l’anno correndo è un modo per mescolare metafora, buoni propositi, salute, sport, fatica, pensieri… Non abbiamo record da stabilire, solo l’incombenza di arrivare (senza troppi traumi). C’erano 5 gradi sotto zero, stamani, la brina a colorare. Il  sole sbucava dalla nebbia per allontanarla a poco a poco. Mi piace immaginare  che dopo le tante nebbie “del mondo”, torni il sole a dominare la scena. Lo penso mentre la radio mi descrive la strage di Istanbul, riportandomi immediatamente coi piedi per  terra (correndo, si sa, li si stacca sempre un po’ dal suolo).

corsa