Mi concedo una buona notizia

E’ quando si è circondati da notizie tremende che bisogna cercare spazio per quelle positive. Ecco perché in questa serata, riempita dall’orrore che arriva da Barcellona, vi voglio raccontare di un ragazzo cinese che ha 19 anni e che da qualche giorno è orfano di padre. La buona notizia, infatti, parte da un lutto. Il genitore è venuto in Piemonte per lavorare e sfamare una famiglia molto povera. Si è ammalato di leucemia, è morto all’ospedale di Alessandria, dopo un trapianto di midollo che non ha dato effetti. Il ragazzo ha scritto una lettera, che pubblichiamo in larga parte sul “Piccolo” tra poco in edicola. Ha parlato di suo padre ma, soprattutto, ha voluto ringraziare tutti quelli che hanno aiutato papà a non soffrire. Un esercito di medici, di infermieri, di volontari. Di persone qualunque che si sono prese a cuore un uomo semplice, “senza discriminarlo perché povero e straniero”. Lo hanno accudito fino all’ultimo dei suoi giorni, e c’è anche chi si è prodigato per garantirgli una degna sepoltura. La buona notizia, come avrete capito, sta nel fatto che abbiamo scoperto (ma in realtà ne eravamo a conoscenza…) un’Alessandria generosa, solidale, capace di tendere la mano. Di questo siamo orgogliosi. E’ una boccata d’aria fresca in una (altra)  giornata  di sangue.

 

Massimo Brusasco

View more posts from this author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *