Roma, 4 giorni in 10 punti

Quattro giorni a Roma, in compagnia degli staffettisti che hanno collegato Alessandria, città che compie 850, al Vaticano, passando per Siena (il luogo di Alessandro III, fondatore di Alessandria). Piccolo riassunto di cose degne di nota.

  1. Il senso di appartenenza e di comunità: gli alessandrini hanno avuto 650 km di buoni motivi per sentirsi orgogliosi.
  2. Piazza San Pietro, l’attesa del Papa tra gente da ogni parte del globo. Ti senti un nonnulla ma anche  al centro del mondo, protagonista.
  3. Il Quirinale, palazzo meraviglioso. Lo chiamano “la casa degli italiani”: un’esagerazione soprattutto se si pensa agli italiani che la casa non ce l’hanno.
  4. La Camera dei deputati e i  “mah” che ti verrebbe da dire.
  5. Roma col traffico della notte.
  6. Roma col traffico del giorno.
  7. I cumuli di rifiuti che, purtroppo, ti fanno sentire un po’ a casa.
  8. Gli aò e li mortacci tua.
  9. L’essere riusciti a realizzare, a distanza, un’edizione del “Piccolo”. Grazie a chi ci ha permesso di farlo e ai lettori che hanno apprezzato il numero di venerdì scorso, decisamente speciale.
  10. La compagnia e il  viaggio in pullman senza nemmeno cantare in coro.

Massimo Brusasco

View more posts from this author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *