Omaggio a Carlo Leva

“A Massimi’, a l’è mort XXYY e tu manco me telefoni?”

Così, più o meno. Un po’ in dialetto nostro, un po’ in italiano, con sfumature di romanesco. Sostituite XXYY con grandi (e meno grandi) nomi del cinema e immaginate chiamata al sottoscritto, fatta da Carlo Leva, scenografo classe 1930, che con tutti quegli XXYY aveva lavorato.

Carlo è morto sabato. Aveva 90 anni. Sul “Piccolo” di oggi cerco di ricordarlo per come l’ho conosciuto, ovvero per un signore innamorato del suo mestiere, una collezione di aneddoti, un personaggio che ha lavorato con Sergio Leone e Dario Argento, e col meglio del cinema anni Sessanta e Settanta. Il suo castello, a Bergamasco, è il luogo ideale in cui un appassionato di cinema può perdersi nella magia. Ci mancherà Carlo. Ci lascia ricordi, anche materiali, che sarebbe un delitto andassero perduti”.

Massimo Brusasco

View more posts from this author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *