Mese: giugno 2019

‘Il conte socialista’ pronto al debutto

In un posto precedente vi ho raccontato nei dettagli lo spettacolo “Il conte socialista”. In un altro ancora, ho ringraziato i musicisti, fondamentali per la riuscita di questa pièce che non è una pièce, che parla di storia ma che è moderna, che fa ridere ma anche pensare. La Compagnia Teatrale Fubinese vi dà appuntamento, dunque, domenica 20 alle ore 18  nella Cappella di Bricherasio in via San Giovanni Bosco, per scoprire qualcosa in più sul conte di Bricherasio, nobile fondatore della Fiat. Vi aspettiamo!

Io e Anna Falchi

Io e Anna Falchi, come immaginerete, non abbiamo nulla in comune. Se non il fatto che saremo entrambi, domani, sabato 29, alla Notte Bianca del Cristo, quartiere alessandrino particolarmente effervescente. Cosa farà Anna non lo so; io sarò a rappresentare la Compagnia Teatrale Fubinese al numero 2 di via Gioia, angolo corso Acqui, in un accogliente cortile che diventerà occasionalmente spazio per il teatro. Dalle 20 a oltranza sarò lì; contemporaneamente, altri amici si esibiranno in location analoghe, dando concretezza a una bella idea avuta da Mauro Risciglione e accolta da Stefano Venneri e da tutti gli artefici della ‘Notte’. Il quartiere sarà in festa, noi reciteremo e di Anna ci saprete dire.

Tutto sul “Conte socialista”

Ecco tutto quello che potrebbe interessarvi su “Il conte socialista”, lo spettacolo che la Compagnia Teatrale Fubinese porterà inscena domenica30 giugno alle 18 nel parco della Cappella Bricherasio, a Fubine.

 

Cosa succede

Domenica 30 giugno 2019, alle ore 18, a Fubine Monferrato (Al), nel parco della cappella Bricherasio, in via San Giovanni Bosco, la Compagnia Teatrale Fubinese presenta “Il conte socialista”, spettacolo ideato e diretto da Massimo Brusasco e dedicato al conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, già proprietario del castello di Fubine, nato 150 anni fa e 120 anni or sono co-fondatore della Fiat. La manifestazione rientra nelle celebrazioni per Bricherasio organizzate dal Comune di Fubine e dall’associazione Monferrato 2020. L’ingresso è gratuito.

Lo spettacolo

Il conte socialista” è una pièce brillante, che trae spunto dalla storia, ma tratta gli eventi in chiave decisamente moderna, come farebbe la televisione del Terzo millennio. Ridendo, si può anche riflettere…

Gli interpreti sono: Giuseppe Balestrero, Anna Cioffi, Marina Roncati, Riccardo Robotti, Doriana Bellinaso, Lidia Mordiglia, Gianpietro Brusasco, Paolo Tafuri, Franco Mordiglia, Massimo Brusasco, Cesare Langosco, Massimo Bosia, Fabio Bellinaso.

Canzoni originali di Massimo Brusasco e Massimo Faletti interpretate da Maurizio Ferrari, Massimo Faletti, Enzo Garlando, Guglielmo Gagliardi.

La storia

Emanuele Cacherano di Bricherasio, di famiglia benestante, fu uno degli artefici della Fiat, nonché fondatore dell’Automobil Club e della rivista “L’automobile”. Fu uno dei protagonisti della vita economica e sociale della Torino di fine Ottocento e inizio Novecento. Fondò la Fiat nel 1899, insieme a un gruppo di giovani rampanti, tra cui Giovanni Agnelli. Nobile ma di idee socialiste, progressista e visionario, morì in circostanze misteriose a 35 anni, nel castello di Agliè, di proprietà dei duchi di Genova, imparentati coi Savoia. Suicidio? Delitto? Non si sa. Di certo, il giorno successivo il decesso ci sarebbe stato un consiglio di amministrazione della Fiat durante il quale Bricherasio avrebbe mosso accuse piuttosto pesanti nei confronti dei “colleghi”.

I personaggi

Oltre al conte, tra i personaggi che rientrano nella storia bisogna citare almeno: Sofia di Bricherasio, pittrice, sorella di Emanuele; Lorenzo Delleani, pittore, maestro di Sofia, autore del quadro “I fondatori della Fiat”; Federico Caprilli, considerato il padre della cavalleria moderna, morto tre anni dopo il suo amico Emanuele; Leonardo Bistolfi, scultore, autore dello splendido monumento sepolcrale di Emanuele, custodito nella cripta della cappella Bricherasio.

La Compagnia Teatrale Fubinese

Nata nel 1981, la Compagnia Teatrale Fubinese, presieduta da Massimo Bosia, propone commedie in lingua, in dialetto monferrino, oltre che spettacoli di cabaret e musicali. Attiva anche in ambito sociale, promuove la rassegna teatrale “Fubine Ridens” e si esibisce abitualmente in provincia di Alessandria e non solo.

Per contatti: 3357291099, massimobrusasco@libero.it

 

In sei per cinque canzoni

Ne vedete quattro in foto: sono Guglielmo Gagliardi (batteria), Massimo Faletti (chitarra), Enzo Garlando (tastiere) e Maurizio Ferrari (voce). Il quinto è Giancarlo Fracasso,  esperto di suoni e di mixaggio. Il sesto sono io, che ho messo le parole da consegnare a Faletti, autore della musica. Sono nate così cinque canzoni (inedite, ovviamente) che impreziosiranno lo spettacolo “Il conte socialista” che la Compagnia Teatrale Fubinese presenterà domenica 30 alle 18 nel parco della cappella Bricherasio in via San Giovanni Bosco a Fubine. Proporre uno spettacolo con canzoni inedite non è una cosa da poco, specie per un sodalizio dilettantistico. Ieri ho avuto tra le mani la registrazione. A me (che, comunque sono di parte) sembra un lavoro molto ben eseguito. Io mi auguro che i brani (tra cui uno dedicato a Franky, il violinista fubinese scomparso lo scorso anno) vi piacciano, possiate apprezzarli domenica e… chissà. Per ora sono soddisfatto, con tante grazie a chi pazientemente mi ha assecondato.

Un post dedicato al post

Dedico questo post a questo post stesso, perché è il 500esimo tra quelli pubblicati su questo sito. Non so se sia vero, ma il sistema questo mi dice. E lo prendo per buono perché, anche se non fossi d’accordo, non saprei come contraddire. Immagino che i 500 post non siano dalla nascita del sito (dicembre 2005!), ma da quando è stato rifatto. Non è fondamentale saperlo, comunque. Tra l’altro, non è fondamentale neanche avere un sito. Io decisi di aprirlo volendo essere il primo giornalista alessandrino a farlo. E non è che, poi, siano stati tanti a imitarmi, quindi potrei dire che ho intrapreso un’iniziativa non decisiva per chi svolge il mio lavoro. Solo che io faccio anche altre cose, a cominciare dal teatro, per arrivare a  proposte assortite che – voi che seguite il mio sito – sapete. Non mi dilungo a spiegarlo a chi non segue il mio sito, perché intanto non starebbe leggendo questo post, il 500esimo. Mettiamola così: scrivo post esattamente come molti scrivono il diario, invidiando l’aspetto romantico dell’usare la penna e, soprattutto, dello sfogliare le pagine. Qualunque cosa si scriva, è un bell’esercizio che si fa per sé, per i contemporanei e magari per i posteri (questo, dunque,  potrebbe essere il posto dei post per posteri). E allora, tanti auguri post che stai per finire. 500 di questi post, e magari di più.

La settimana (per adesso)

La settimana non è ancora finita e di cose (me) ne sono successe già un po’. Intanto, un grazie al meteo: ieri sera nuvole gonfie e vento minaccioso ci hanno solo fatto capire che sarebbe potuto piovere da un momento all’altro. Invece, lo spettacolo “La pausa caffè”, che la Compagnia Teatrale Fubinese ha proposto a Mogliotti, frazione di Rocchetta Tanaro (Asti) ha avuto inizio, fine e… quel che ci sta in mezzo. Con applausi e risate. A proposito: grazie agli organizzatori per averci scelto. La sera prima, giovedì, ho avuto il piacere di presentare un evento a San Salvatore Monferrato dedicato al viaggio di Carmen Acunto a Santiago di Compostela: 165 km in hand bike, utilizzando solo la forza delle braccia. E’ stato un racconto emozionante, divertente, ricco di spunti, grazie a Carmen e ai suoi brillanti compagni di viaggio. Mercoledì, invece, si è conclusa la 17esima edizione del “Salotto del mandrogno”, al The Park, il locale alessandrino di lungo Tanaro gestito da Gianni Naclerio, fedele colonna sonora del talk show: per riassumere quel che è successo (anche nelle puntate precedenti), mi concederete un (futuro)  post a parte. Martedì, infine, con  la Compagnia Teatrale Fubinese abbiamo pensato all’allestimento de  “Il conte socialista”, lo spettacolo che presenteremo domenica 30 alle 18 alla cappella Bricherasio di Fubine. Nel frattempo, sono state incise  le canzoni che, domenica, verranno proposte dal vivo all’interno della pièce. Bella cosa, proprio bella.

“Pausa caffè” ai Mogliotti

Mogliotti è una frazione di Rocchetta Tanaro. Che è un paese dell’Astigiano, al confine con l’Alessandrino. Qui, ai Mogliotti, appunto, stasera (venerdì 21) sarà di scena la Compagnia Teatrale Fubinese con la commedia “La pausa caffè”. E’ il nostro debutto in questa borgata che so che ci accoglierà con entusiasmo. Massimo Bosia, Maurizio Ferrari, Doriana Bellinaso, Cesare Langosco, Gianpietro Brusasco, Franco Mordiglia, Flavia Bigotti, Claudia Capra, Paolo Tafuri ed io cercheremo di non deludere le attese. Appuntamento alle 21.15: ci saranno anche Lidia Mordiglia e Giancarlo Devidi a darci manforte. Vi aspettiamo!

La serata con Carmen

Carmen Acunto è stata una piacevole scoperta. Sapevo dei suoi record da atleta paralimpica; sapevo del suo impegno nella Giunta comunale di San Salvatore. Ma, quando mi ha raccontato del desiderio di raggiungere Santiago di Compostela con una bicicletta mossa dalla forza delle braccia, ho capito la determinazione di una donna che non si è arresa alla sventura e che, anzi, da questa ha tratto linfa. 150 km non sono pochi: racconterà emozioni e fatica del viaggio concluso poche settimane fa. Lo farà stasera, giovedì 20, alle ore 21 al Teatro Comunale di San  Salvatore Monferrato. Sono felice che mi abbia voluto a presentare un incontro che immagino ricco di quell’umanità della quale abbiamo sempre tanto bisogno.

Salotto, stasera sede speciale

Una sede speciale stasera, 19 giugno, per “Il salotto del mandrogno”. Il nostro talk show sarà ospitato da Gianni Naclerio al suo The Park, in lungo Tanaro San Martino 8, vicino all’Avis (ingresso gratuito). Dalle 21.30 ci divertiremo con Stefania Cartasegna, Lella Bloom, Bruno Dalchecco, Bernardo Beisso, Pieranna Bottino, Daniele Bertin, Mattia Roggero e con la psicologa Cristina Dellaferrera, perché di una psicologa c’è bisogno, tanto più al termine di una stagione, la 17esima, ricca di personaggi e colpi di scena. Non aggiungo altro, se non che vi aspetto in questa location speciale, molto accogliente.

Salotto, vi aspetto al The Park

Il comunicato stampa del prossimo “Salotto del mandrogno”.
Nuova sede (solo) per l’ultima puntata della 17esima edizione del “Salotto del mandrogno”.
Mercoledì 19 giugno, alle ore 21.30, il talk show si trasferirà al The Park di lungo Tanaro San Martino 8 (accanto all’Avis).
Conduce Massimo Brusasco, con la partecipazione di Gianni Naclerio, Franco Rangone e Ugo Boccassi.
Ospiti: Bruno Dalchecco e Daniele Bertin della sezione Alpini di Alessandria
Stefania Cartasegna, promotrice del Pride
Lella Bloom, drag queen
Mattia Roggero, assessore comunale al Commercio
Bernardo Beisso, fondatore della Banda Brisca
Pieranna Bottino, autrice del libro ‘Bambole del mondo’
…. e sorprese.
Ingresso gratuito, come sempre.