Tag: pausa caffè

La settimana teatrale

Ammesso che si possa dire che ci siamo presi una pausa, riprendiamo. La Compagnia Teatrale Fubinese tornerà in scena venerdì 6 settembre alle ore 21 a Spinetta Marengo, nell’ampio spazio di Casa Rossetti, in via Maruera, dove proporremo la commedia “La pausa caffè” (i contenuti li potete trovare su questo sito alla voce “teatro”). Domenica 8 alle 17, invece, ci trasferiremo ad Agliè (provincia di Torino) dove, al castello, avremo modo di proporre il nostro “Il conte socialista”, lo spettacolo dedicato al conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, che proprio ad Agliè morì in circostanze misteriose. E’ una pièce divertente, che tratta fatti e personaggi realmente accaduti; lo fa con leggerezza e con il contorno musicale di canzoni inedite, scritte per l’occasione. Se volete ulteriori informazioni, non esitate a contattarmi.

Teatro: 3 “pause” in 6 giorni

Intanto, un grazie al numeroso pubblico che, ieri sera, ci ha apprezzato a Castiglione, frazione di Asti, dove abbiamo proposto “Va là che vai bene”. Una piccola borgata, grande festa, molto entusiasmo: siamo stati molto contenti. Ora tocca a “La pausa caffè”, la commedia della Compagnia Teatrale Fubinese, che proporremo tre volte in sei giorni in provincia di Alessandria. Ci esibiremo domani (domenica) a Garbagna, giovedì 18 a Masio e venerdì 19 a Borgoratto, località in cui abbiamo già avuto il piacere di presentare precedenti lavori. Il fatto di essere stati richiamati è certamente un buon segno. Se avete voglia di divertirvi… vi aspettiamo. Cominciamo sempre alle 21.15 e non si incide sui portafogli.

Fate una telefonata

Fate una telefonata se volete venirci a vedere sabato 13 e domenica 14 aprile a Fubine (ore 21.15, Teatro dei Batù). Chiamate il 335 7291099, perché  i posti scarseggiano. Evidentemente c’è molta curiosità attorno alla nostra nuova commedia “La pausa caffè” che venerdì 12 ha debuttato a Rivarone. Un “numero zero” che pare sia piaciuto al pubblico e che per la Compagnia Teatrale Fubinese è stato un’occasione di rodaggio. Nelle due sere di Fubine, dunque, ci potrete vedere collaudati, apprezzando Massimo Bosia, Maurizio Ferrari, Claudia Capra, Doriana Bellinaso, Gianpietro Brusasco, Cesare Langosco, Paolo Tafuri, Flavia Bigotti, Franco Mordiglia e il sottoscritto. Però una telefonata fatela, va…. (e grazie a Vittorio Destro per la foto).

E’ ora

Abbiamo trascorso insieme un bel po’ di ore. Ci siamo divertiti. Abbiamo mescolato delusione e divertimento, pazienza ed entusiasmo. Abbiamo fatto quello che, solitamente, fanno gli attori dilettanti, come noi della Compagnia Teatrale Fubinese. Noi che iniziamo le prove non prima delle 21.30 e le finiamo attorno a mezzanotte, con qualcuno legittimamente molto stanco. Noi che studiamo ma non come vorremmo, che ci districhiamo ma non sempre con scioltezza, noi che facciamo affidamento anche alla fantasia, oltre che su chi ci sostiene da dietro le quinte. Stasera, venerdì, a Rivarone (ore 21.15, Salone dei ciliegi) , un paese che ci porta bene, debutterà “La pausa caffè”, la nostra nuova commedia, per la quale ci siamo impegnati a fondo, pur con limiti oggettivi che speriamo di nascondere bene. Ci saprà dire il pubblico rivaronese, ma anche quello di Fubine, paese in cui ci esibiremo sabato e domenica (ore 21.15, Teatro dei Batù; prenotate al 335 7291099). Noi ce la mettiamo tutta, voi venite predisposti al divertimento. Al resto qualcuno penserà…

Inizia… la pausa caffè

Ieri sera siamo ritornati sul palco per abbozzare “La pausa caffè”, la commedia che sarà la “nuova produzione” della Compagnia Teatrale Fubinese per il 2019. Ho pensato di ambientare lo spettacolo in un ufficio pubblico, dove succedono un po’ di cose. E dove, appunto, la pausa caffè è una caratteristica, quasi un’esigenza dalla quale non si può prescindere. Ho trovato il solito valido gruppo di collaboratori, pronto ad assecondarmi e a condividere il piacere dell’avventura. Spero che ci divertiremo, com’è successo sempre. E mi auguro che il pubblico vorrà apprezzare. Per ora, c’è un bel po’ di lavoro da fare. Lo faremo.