A me pare piuttosto chiaro quello che, parlando di legge elettorale, gli italiani gradirebbero. Intanto, un sistema sostanzialmente maggioritario, come sostenuto attraverso uno dei pochi referendum di successo in fatto di quorum. Poi sapere chi, alla fine della giornata elettorale, governerà . Sarà  mica una pretesa conoscere il nome del vincitore? Infine, credo che il popolo italiano voglia poter scegliere, utilizzando il sistema della preferenza. Se può votare il suo candidato preferito, senza imposizioni dall’alto; se può sapere, a fine spoglio, chi governa e se ha la garanzia che il governante può farlo senza inciuci, compromessi, accordi sottobanco, forte di una maggioranza parlamentare in grado di sostenere il governo, e fatte salve naturalmente le competenze del presidente della Repubblica, ecco… io penso che ci si possa ritenere soddisfatti, perfin fieri del nostro Paese. E’ così difficile mettere in piedi un sistema di questo genere, che peraltro non necessita di riforme costituzionali?