Mese: marzo 2019

Proviamo a crederci

Prendo a prestito questa foto che Manuela Quartero ha pubblicato su Facebook e riporto il suo commento: “Fubine ha angoli che ti fanno rimanere a bocca aperta”. Immagino  che, in futuro,  parlerà con entusiasmo di questo paese che non è il suo. E probabilmente lo faranno anche i molti che oggi sono stati da queste parti, attratti da una manifestazione come Golosaria che ha il pregio di svilupparsi su 30 location tra Alessandrino e Astigiano e il limite di costringere il pubblico a scegliere, ammesso che sia un limite davvero. Fubine si è distinto con mostre, infernòt e la splendida cripta della chiesetta dei Cappuccini, col monumento sepolcrale del Bistolfi. Ma è stato tutto il Monferrato a brillare sotto un sole quasi estivo. E’ una terra che ha bisogno di vetrine come Golosaria, per emergere davvero. Ma necessita anche di imprenditori pronti a scommettere e di gente che non veda i vincoli paesaggistici come ostacoli, semmai come un’opportunità. Manca veramente poco al salto di qualità definitivo. Però bisogna prendere coscienza del bello che abbiamo e credere nella necessità di condividerlo.

Dovere

Devo ringraziamenti, pur se in ritardo. Devo ringraziare chi, mercoledì scorso, ha partecipato al “Salotto del mandrogno”, decretando il successo della puntata. Mi riferisco agli ospiti, che hanno offerto qualità, simpatia e spunti interessanti (il serio e il faceto, come sempre, si sono mescolati), ma soprattutto al pubblico, accorso numeroso come è successo solo in rare occasioni. Un plauso in particolare ai dieci “nonni” che hanno offerto una piacevole esibizione di ginnastica dolce, e a Viktoria che ce li ha fatti conoscere. Dal “Salotto” al teatro il passo è stato breve. Domenica, a San Michele, la Compagnia Teatrale Fubinese ha portato in scena la commedia “Si siamo aggiustati tutti bene”. E’ stato gratificante ricevere, non solo l’applauso del pubblico, ma anche considerazioni del tipo: “Di solito la sera non usciamo mai, ma per voi siamo venuti e abbiamo fatto bene”.  A volte basta poco per farci rincasare soddisfatti.

“Si siamo” a San Michele

“Si siamo aggiustati tutti bene”, la commedia della Compagnia Teatrale Fubinese, arriva a San Michele. Domenica 24, infatti, saremo nel sobborgo alessandrino (sala polifunzionale, via Remotti) per proporre uno spettacolo che ci sta dando grande soddisfazioni. E’ la storia di una popolazione, quella di Coniolo, che nel 1927 si ribella ai “padroni delle miniere” rei di scavare sotto il paese, rischiando di farlo crollare. Verità e finzione si mescolano, in una pièce che finora è particolarmente piaciuta. Vi aspetto con Maurizio Ferrari, Paolo Tafuri, Franco Mordiglia, Doriana Bellinaso, Flavia Bigotti, Cesare Langosco, Anna Cioffi, Riccardo Robotti e Giuseppe Balestrero, ma anche con Giancarlo Devidi e Lidia Mordiglia che lavorano dietro le quinte. Se avete voglia di finire la settimana ridendo, sapete cosa fare…

Sabato con “Fubine Ridens”

Torna domani, sabato 23, “Fubine Ridens”, la rassegna di teatro brillante organizzata dalla Compagnia Teatrale Fubinese. Alle ore 21.15, al Teatro dei Batù di via Longo, a Fubine, spazio alla compagnia astigiana “I fafiuché di Silvana” che presenterà la commedia “San Vespasiano”. Spazio dunque alla tradizione più verace del teatro popolare, con spunti in dialetto e divertente semplicità. Avremo occasione di trascorrere un paio d’ore piacevoli e spensierate, grazie a un sodalizio decisamente collaudato che, per la prima volta, calca il palcoscenico fubinese. Ingresso 7 euro, per prenotazioni 335 7291099, oppure massimobrusasco@libero.it.

Mercoledì 20 il “Salotto”: gli ospiti

Gli aerei, gli elicotteri, musica, cabaret, con spunti di riflessione. È la proposta del ‘Salotto del mandrogno’, il talk show di domani, mercoledì 20 marzo,   alle ore 21.30, al centro d’incontro Galimberti di via Pochettini 3, Alessandria (ingresso gratuito). Tra gli ospiti, Ileana Spriano, delegata del Fai (con brevetto da pilota), che presenterà le ‘Giornate di primavera’ arricchita da monumenti aperti e iniziative; Giorgio Pieri (anch’egli pilota) dell’associazione benefica Passo Dopo Passo;  Roberto Vacca, responsabile dell’elisoccorso del Piemonte; Davide Buzzi Langhi, vicesindaco di Alessandria; Viktoriya Khiminets, insegnante di ‘ginnastica dolce’ per ‘grandi età’; Carlo Piccini, referente di Libera (il 21 marzo è la giornata contro le mafie). Ampio spazio anche alla musica, con Gianni Naclerio e Franco Rangone,  ma anche con i miei storici partner Maurizo Ferrari e Massimo Faletti della Compagnia teatrale fubinese. E poi, intervento di Erica e Claudio Gigli per lanciare un’iniziativa (giovedì alle 20 al Melchionni Cafè di via Chenna) dedicata a Lucio Dalla. Più di così… non so cosa offrirvi.

Teatro, “Salotto” e… tutto in agenda

Mercoledì il “Salotto”, sabato Fubine Ridens, domenica la Compagnia Teatrale in scena. Quella che si apre domani, oltre a essere quella  di San Giuseppe (auguri, anche ai papà) e della primavera, sarà una settimana di appuntamenti che mi riguardano. Il 20 vi aspetto al centro d’incontro Galimberti di via Pochettini, Alessandria, per un “Salotto del mandrogno” effervescente, con musica, parole e divertimento; il 24, tornerà a Fubine la rassegna teatrale, con ospite la compagnia “Fafiuché di Silvana” di Asti che, alle 21.15, presenterà la commedia “San Vespasiano”; domenica 24, alle 21, a San Michele (sala polifunzionale), ecco il ritorno di “Si siamo aggiustati tutti bene”, la commedia della Compagnia Teatrale Fubinese. In agenda, se volete, aggiungete l’appuntamento radiofonico di domani, lunedì: alle 8.15, su Radio Voce Spazio, torna “Calci al pallone”, storica trasmissione per sportivi e non solo.

Trapauguri

Non dell’umanità, certo, ma del calcio di sicuro. Giovanni Trapattoni è un patrimonio. Ha vinto tanto, perso abbastanza, ma è stato soprattutto un inno all’allegria, un antidepressivo oltre che, come ricordano quelli che con lui hanno giocato, un autentico maestro, un motivatore,  un tecnico che riusciva a farti esprimere al meglio. E’ anche il Trap del fischio, del gatto nel sacco, di “strunz” e delle ritualità ai Mondiali. E’ l’emblema di un calcio un po’ più romantico, più semplice, più genuino di quello col quale ci stiamo confrontando.  E poi il Trap è stato il “mio” primo allenatore, esattamente come Boniperti fu il “mio” primo presidente. Ripenso a quegli anni e mi viene in mente un ragazzino col pallone, un oratorio, pomeriggi di partite, amicizie durature. Tanto mi basta per amare il Trap. Glielo direi, se potessi, oggi che lui compie ottant’anni.

Un “Salotto” per volare

Il 20 marzo, al centro d’incontro Galimberti di via Pochettini, Alessandria, tornerà “Il salotto del mandrogno”, talk show che ho il piacere di presentare ormai dal 2002. Ogni puntata della stagione è dedicata a un mezzo di trasporto: stavolta si discuterà di aerei ed elicotteri (quindi sono due…) e lo faremo, ad esempio, con il pilota Giorgio Pieri, con Roberto Vacca, responsabile piemontese del servizio di elisoccorso. Racconteremo le iniziative di Libera, l’associazione che contrasta le mafie, ascolteremo canzoni, ci sarà il vicesindaco di Alessandria, Davide Buzzi Langhi, e poi faremo un po’ di sana ginnastica dolce e ci divertiremo con Massimo Faletti e Maurizio Ferrari, miei consueti partner in spettacoli di musica e cabaret. Il resto ve lo racconterò. Intanto cominciare a prendere nota, che mercoledì fa presto ad arrivare…

Il weekend (e il lunedì)

Un sabato con i libri, una domenica col cabaret. E domani, lunedì, la trasmissione in radio, per cominciare la settimana come accade ormai da tempo, con “Calci al pallone”, in onda alle 8.15 su Radio Voce Spazio 93.8. Restano, del weekend, due bei momenti: la presentazione del libro “Il raduno dei Gramigna” in Comune a Coniolo, dove, per concludere, è stato allestito un buffet degno dei grandi eventi, e lo spettacolo “Monferrato Ridens” organizzato, oggi pomeriggio,  a Rosignano: un’ora di canzoni e cabaret con Maurizio Ferrari e Massimo Faletti, prima della performance dell’amico Fabio Fazi e dei ragazzi delle scuole del paese. L’occasione è stata propizia per scoprire che Renato Molinari, straordinario campione di motonautica, ha scelto come “buen retiro” questo delizioso paese del Monferrato. Con le sorprese non si finisce mai.

Rosignano, arriviamo

Ci vorrebbero persone come Angela Tudisco. E’ un medico in pensione, specialità ginecologia. Non ho chiaramente avuto a che fare con lei per ragioni sanitarie… bensì per il teatro. E’ un’appassionata. E sta in un paese, Rosignano, che ha uno spazio adeguato che si chiama Ideal. Oggi, domenica 10 marzo , alle 16, sarò lì con Maurizio Ferrari e Massimo Faletti per presentare un estratto del nostro spettacolo, inserito nel cartellone di “Monferrato Ridens” che, sempre oggi,  includerà anche la performance di Fabio Fazi del Teatro della Nebbia.  Sono ormai settimane che Angela si sta dando da fare per preparare questo evento, che coinvolgerà anche i giovani. Sarà divertente, immagino: i presupposti non mancano. E io vi aspetto, per un paio d’ore piacevoli.