Mese: settembre 2019

“Fubine Ridens”, le anticipazioni

Sabato 19 ottobre ritornerà “Fubine Ridens”, la rassegna teatrale organizzata dalla Compagnia Teatrale Fubinese e giunta alla 23esima edizione. Vi assicuro che, per una piccola realtà come la nostra, 23 “cartelloni” non sono pochi: riusciamo nell’impresa grazie anzitutto al volontariato, poi al supporto del Comune, quindi dell’amicizia con molti sodalizi che accolgono il nostro invito e aderiscono alla proposta fubinese. Anche quest’anno avremo uno spettacolo al mese e daremo spazio al cabaret, con due piacevoli novità: il nuovo spettacolo di Marco e Mauro e lo show del Quartetto C’era. Tra le compagnie, qualche volto nuovo e sodalizi collaudati tra quelli che maggiormente sono piaciuti nelle passate stagioni. E poi il gran finale, come sempre con la Compagnia Teatrale Fubinese. A dicembre, come ormai tradizione, il premio “Fubinese dell’anno”.  Intanto, la nostra compagnia sta provando uno spettacolo di qualche anno fa, che avremo il piacere di riproporre fuori cartellone.

Festa al Cristo, il progetto

Su input di Stefano Venneri e con la regia dei commercianti del quartiere, al Cristo, popolosa realtà di Alessandria, arrivano 10 giorni di festa. Mi fa piacere essere stato coinvolto per promuovere iniziative che riguardano teatro e dintorni. E mi rallegra, in particolare, che per la sera dell’8 ottobre si sia pensato a un’anteprima del Salotto del Mandrogno (ore 21.15, auditorium Borsalino, via Bonardo), dedicato non solo al Cristo ma anche a Paolo Paoli, compianto presentatore e promotori di eventi in provincia. Dal 9 all’11, poi, tre serate di teatro: si comincerà con L’Anfitrione di Plauto del Teatro della Juta al centro d’incontro; si proseguirà con “La pausa caffè” della Compagnia Teatrale Fubinese alla Don Bosco; si  concluderà il venerdì con uno spettacolo di cabaret alla Soms di corso Acqui. Vi racconterò i dettagli; per ora, prendete nota.

Tu piccolo e il resto enorme

Il Csq è il Centro stampa quotidiani. Sta in provincia di Brescia e stampa, tra l’altro, alcuni giornali, fra cui “Il Piccolo”. Siamo reduci da una visita alla tipografia. Bobine enormi, rotative gigantesche, vasche di inchiostro. Una tecnologia d’avanguardia. Una settantina di persone che lavorano giorno e (soprattutto) notte, oltre agli esterni. Una trentina di camion che portano giornali in tutto il Nord Italia, spingendosi fino in Slovenia e Costa Azzurra. Il fatto  che le tue parole, di piccolo giornalista, siano comunque parte di un mondo così complesso, sofisticato e gigantesco, ti impone (almeno) due  riflessioni. La prima: sei niente, al confronto. La seconda, però, la preferisco: tanta complessità ti deve obbligare a tendere alla perfezione, a migliorarti, a pensare che, presso i lettori, hai un senso grazie a tutto questo, e che, dunque,  la superficialità è vietata. Credo di avere imparato questo, qualche ora fa.

Teatranti al castello

Siamo reduci dalla felice esperienza di Agliè, e pure un po’ orgogliosi per avere proposto il nostro spettacolo “Il conte socialista” in un luogo incantevole, che si addice perfettamente alla nostra pièce. Al personale del castello, al sindaco di Agliè, al sistema museale del Piemonte, a Stefano Barbero, consigliere comunale di Fubine, che sta promuovendo iniziative a favore del conte di Bricherasio, a Lisa di Alturist per aversi assicurato parte del numerosissimo pubblico, e anche alla Compagnia Teatrale tutta, all’altezza della situazione. E poi, un grazie alla gente che ci ha seguito e a chi oggi ha imparato a conoscerci. E’ uno spettacolo brillante, con cenni storici e con una band che esegue dal vivo canzoni originali, scritte per l’occasione: un valor aggiunto, non da poco.

Siamo pronti per Agliè

Anzitutto, un grazie a chi, ieri ha voluto trascorrere la serata con noi a Spinetta, dove abbiamo proposto la commedia “La pausa caffè”. E grazie, naturalmente, alla chiesa evangelica che ci ha voluto nel cartellone dei festeggiamenti di Casa Rossetti. L’impegnativo weekend della Compagnia Teatrale Fubinese continua domani, domenica, con la trasferta ad Agliè (Torino): nel parco del celebre castello, alle ore 17, proporremo “Il conte socialista”, lo spettacolo dedicato al conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, e che avremo l’onore di rappresentare nel luogo dove il conte stesso morì, in circostanze misteriose,  nel 1904. Sarà emozionante per noi e, immagino, molto piacevole per il pubblico: la location, d’altronde, è strepitosa. Come qualcuno saprà, lo show racconta la vita del conte ed è impreziosito da canzoni originali, scritte per l’occasione. Se volete informazioni… dell’ultimo minuto, scrivetemi a massimobrusasco@libero.it.

Stasera teatro a Spinetta

Non preoccupatevi qualora dovesse piovere: saremo al coperto. Mettete magari una maglia in più, e portatevi appresso la voglia di divertirsi. Stasera, venerdì 6 settembre, alle ore 21, la Compagnia Teatrale Fubinese sarà a Spinetta Marengo, ospite della chiesa evangelica che organizza la festa a Casa Rossetti, in via Maruera 8. Proporremo “La pausa caffè”, una commedia che ci sta dando grandi soddisfazioni. Con me saranno in scena Cesare Langosco, Flavia Bigotti, Doriana Bellinaso, Valter Nicoletta, Franco Mordiglia, Claudia Capra, Gianpietro Brusasco, Maurizio Ferrari e Paolo Tafuri. Collaborazione di Lidia Mordiglia e Giancarlo Devidi. L’ingresso è libero.

 

E domenica, saremo ad Agliè (Torino) per proporre, alle 17 nel parco del castello, lo spettacolo “Il conte socialista”.

La settimana teatrale

Ammesso che si possa dire che ci siamo presi una pausa, riprendiamo. La Compagnia Teatrale Fubinese tornerà in scena venerdì 6 settembre alle ore 21 a Spinetta Marengo, nell’ampio spazio di Casa Rossetti, in via Maruera, dove proporremo la commedia “La pausa caffè” (i contenuti li potete trovare su questo sito alla voce “teatro”). Domenica 8 alle 17, invece, ci trasferiremo ad Agliè (provincia di Torino) dove, al castello, avremo modo di proporre il nostro “Il conte socialista”, lo spettacolo dedicato al conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, che proprio ad Agliè morì in circostanze misteriose. E’ una pièce divertente, che tratta fatti e personaggi realmente accaduti; lo fa con leggerezza e con il contorno musicale di canzoni inedite, scritte per l’occasione. Se volete ulteriori informazioni, non esitate a contattarmi.