Mese: giugno 2017

Giovedì il Salotto: gli ospiti

Siete pronti per l’ultima puntata della 15esima stagione? Lo spero, perché credo che sarà uno spettacolo molto interessante. Infatti, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, nuovo sindaco di Alessandria, sarà ospite, giovedì 29 alle ore 21.30, del “Salotto del mandrogno”, il talk show in programma al circolo La Familiare di viale Massobrio (ingresso gratuito). Sarà il debutto ufficiale del primo cittadino che, domenica, ha vinto il ballottaggio contro Rita Rossa. Tra gli altri ospiti, il gruppo vincitore del concorso SuperBand (l’esito sarà giovedì), l’ex  giornalista Rai,  Vittorio Mangili; l’ex ciclista Giovanni Meazzo;  il piccolo Michele Nicoletta (con papà Valter) protagonista di uno spot televisivo; Gabriella Trisoglio del Museo della civiltà contadina di San Lorenzo di Vignale; il cantautore Massimo Stona.  La puntata sarà registrata da Radio Gold che la manderà in onda venerdì alle 21.

Distinti signori da Salotto

Giovedì 29, il “Salotto del mandrogno” chiuderà i battenti. Almeno per quanto riguarda la sua 15esima stagione. Vi aspetto alle 21.30 al circolo La Familiare, che ci accoglierà nel suo spazio all’aperto. Ci saranno il nuovo sindaco (si vota domani), i vincitori del concorso Superband (il responso sarà proprio lunedì) e due personaggi straordinari, nati negli Anni Venti, ovvero nel nostro periodo di riferimento (ogni Salotto è dedicato a un decennio: siamo partiti dal Duemila e andati a ritroso). Avremo con noi Giovanni Meazzo, ciclista e costruttore di bici, e Vittorio Mangili, giornalista della Rai, con mille storie da raccontare dagli albori della televisione in poi. Per molti motivi sarà una serata speciale, resa eccezionale da due distinti signori…

Ma che bel pubblico

Poche righe per ringraziare il pubblico che sabato e domenica ha assistito alla commedia “I canonici” che la Compagnia Teatrale Fubinese ha proposto, rispettivamente, a Casale Popolo e a Felizzano. Siamo stati accolti da un oratorio molto attrezzato, nel primo caso, e da una suggestiva piazza, nel secondo. Ovunque, pubblico plaudente e divertito; qualcuno ci ha tributato apprezzamenti anche attraverso messaggi e social. E non nascondiamo che la cosa ci  fa piacere. Ora, una breve pausa… ma il 7 luglio torneremo in scena. E saremo a Borgoratto.

 

Il fine settimana “canonico”

Doppio appuntamento con “I canonici” nel fine settimana. Domani, sabato 17 giugno, alle ore 21, saremo nel teatro dell’oratorio di Casale Popolo; domenica 18, alle 21.15, invece, ci accoglierà piazza Paolo Ercole a Felizzano, dove già abbiamo avuto modo di esibirci gli ultimi due anni. Sul palco la Compagnia Teatrale Fubinese con Maurizio Ferrari, Massimo Bosia, Franco Mordiglia, Paolo Tafuri, Gianpietro Brusasco, Giuseppe Balestrero, Franca Reposio, Marina Roncati, Angelo Balestrero, Claudia Capra e col sottoscritto. Contiamo di divertire, divertirci e di sconfiggere la calura. E, comunque, l’ingresso è libero…

Ma ce ne frega della politica?

Sono reduce dalla maratona elettorale, fatta di interviste, numeri, considerazioni, percentuali, progetti, speranze.  E sul “Piccolo” di oggi  ci sono pagine dedicate alla tornata amministrativa, con molti dettagli. Altri organi di informazione hanno fatto più o meno la stessa cosa.  I giornali nazionali (ma anche televisioni…) hanno dedicato ore e ore alle amministrative di domenica, ragionando sul flop di Grillo, sul bipolarismo che ritorna, sul centrodestra che cresce, sul Pd che va bene ma non benissimo; insomma, sulle cose che più o meno vi saranno note. Anzi: che “spero” vi siano note, perché se  così non fosse io e i miei (ben più) illustri colleghi abbiamo lavorato per pochi eletti (e non eletti…). La sensazione di scrivere (e parlare) per nessuno talvolta ce l’ho. O, più probabilmente, ce l’abbiamo. Il fatto che in una città come Alessandria sia andato a votare solo il 54% degli aventi diritto ce lo conferma. E’ un dato molto preoccupante, secondo me. Significa disaffezione, ma anche incapacità di comunicare, di entusiasmare, di coinvolgere. E se alle amministrative si disertano le urne (con candidati il cugino, il vicino di casa, l’amico…),  figuriamoci alle politiche, oppure in uno di quei referendum pronti a essere disattesi (vedasi legge elettorale).  Ce n’è quanto mai per riflettere. Io continuo a scrivere e a sperare.  Di solito penso che gli assenti abbiano sempre torto. Ma è un modo di dire, non un dogma.

 

 

Canonici, dopo Masio… Fubine

Ieri è stata una piacevole serata a Masio. Clima ideale, niente zanzare. La torre storica a fare da straordinaria cornice a “I canonici”, la commedia della Compagnia Teatrale Fubinese. Abbiamo risposto volentieri all’appello della Pro loco di Masio e Abazia, scoprendo che molta gente ha risposto al nostro di appello… cioè quello di venirci a vedere. Chi volesse apprezzare “I canonici”, o comunque assistere allo spettacolo, potrà farlo domani, domenica 11, a Fubine. Ci esibiremo alle 18 sul giardino pensile di Palazzo Bricherasio, una location molto suggestiva. Al termine, apericena con la Pro loco, perché tutti i salmi finiscono in gloria. Il biglietto costa 8 euro (spettacolo e apericena).

IMG-20170610-WA0012

Se non serve la scenografia

A volte la scenografia non serve. Lo scorso anno ne abbiamo avuta prova a Castelletto Merli; al concorso  ‘Magnoberta’, la Compagnia Teatrale Fubinese è stata premiata (anche) per la migliore scenografia. Cosa abbiamo messo sul palco? Nulla. Ci siamo limitati a creare uno spazio affinché il pubblico si potesse concentrare sul panorama di fondo e, al limite, su un paio d’auto che abbiamo utilizzato per dare l’idea del parcheggio. Venerdì 9 giugno alle 21 torneremo a recitare e lo faremo in un posto splendido: il parco della torre di Masio. Sarà questa fortificazione alta 25 metri a  impreziosire il tutto e praticamente non ci servirà  nient’altro.  E domenica 11, alle 18, saremo a Fubine, sempre con la nostra commedia “I canonici”. Ci ospiterà il giardino pensile di Palazzo Bricherasio, una terrazza dalla quale si apre uno splendido panorama. Che sarà, appunto, il fantastico contorno a uno spettacolo al quale vi invito fin d’ora, annunciandovi che si concluderà con un apericena.

Le veterane sono tra noi

Non sono mica tante le manifestazioni di livello internazionale, ad Alessandria. Il Bordino è una di queste. Pietro Bordino era un pilota che qui morì in un incidente. A lui è dedicata un’associazione che, da 27 anni, organizza un raduno di auto storiche, sempre molto apprezzato. Ne abbiamo avuta prova ieri, in piazzetta della Lega, dove ha preso il via la manifestazione, in un contorno di colori, suggestioni, vintage, musica e coreografie (con Selena Bricco e le Sweet Dolls), e ne avremo certamente conferma domani mattina quando, in piazza Garibaldi, dalle 9, le auto saranno protagoniste di prove di regolarità, i cui punti verranno sommati a quelli di sfide analoghe in programma oggi, quando gli equipaggi raggiungeranno Savona, ospiti della Costa Crociere. Io ho il piacere di presentare gli eventi alessandrini. Vi aspetto domani mattina, se volete… Ci sono una settantina di auto storiche pronte a portare la città in un clima retrò, di grande fascino.