Mese: Giugno 2020

Viganò: scudetti e amicizia

L’altro giorno il Liverpool ha vinto la Premier dopo trent’anni. Non sono pochi, per una squadra così prestigiosa. Non sono pochi neanche i 44 anni che sono serviti, sempre in Inghilterra, al Manchester City per vincere lo scudetto. Ce l’ha fatta nel 2012, con Roberto Mancini in panchina e dopo una rocambolesca vittoria (in rimonta, con due gol nel finale) contro il Qpr. Mancini il primo che andò ad abbracciare, a titolo conquistato, fu il massaggiatore Sergio Viganò. Nulla di più di quell’abbraccio testimonia un’amicizia, credo. Perché Mancio e Viga sono amici davvero. E sono molti gli episodi a dimostrarlo. Nel libro “Le mani del mago”, che ho scritto per Bradipolibri, racconto di pallone, certamente, ma più volte mi soffermo a parlare di un’amicizia che, in un mondo complesso com’è quello del calcio professionistico, raramente si trova.

“Le mani del mago” è in libreria, si può acquistare anche online e ha pure la versione e-book. Sono soddisfatto del lavoro, che sta riscuotendo discreto successo. Molto merito va a Viganò, naturalmente,

“Salotto”, solo grazie

Ieri, con una serata un po’ particolare (ospiti gli ex sindaci Mara Scagni, Rita Rossa, Giovanni Priano e Felice Borgoglio, oltre al vicesindaco Davide Buzzi Langhi, alla cantante Mara Tinto, all’ostetrica Betty Campese e a don Pietro Sacchi), si è conclusa la 18esima edizione del “Salotto del mandrogno”, che ha avuto come scenario il circolo La Familiare, che ci ha accolto con il consueto calore.

E’ stata un’edizione tribolata, per l’emergenza Covid che ci ha costretto a realizzare alcune puntate online (con l’aiuto di Massimo Canonico). Fino a febbraio, però, siamo stati piacevolmente ospitati dal centro d’incontro Galimberti, dove contiamo di tornare in autunno.

Al momento del commiato si sovrappone quello dei ringraziamenti. Il primo va a Piera Raiteri, ideatrice del “Salotto” e fondamentale nell’organizzazione (con Gianni Ravetti). Il secondo al cast fisso (Gianni Naclerio, Franco Rangone, Ugo Boccassi e Gianni Pasino) che ha impreziosito ogni puntata. Poi, naturalmente, ai consigli direttivi di Galimberti e Familiare, agli sponsor, il fedelissimo Tony Frisina, ma anche a Radio Gold che ci ha sostenuto anche con la televisione (a proposito: stasera alle 21.30 sul canale 654 sarà replicata la puntata di ieri) e, in generale a tutti i media di città e provincia che guardano al “Salotto” con simpatia.

Impossibile elencare tutti gli ospiti delle numerose puntate della stagione (comprese quelle online), li ringrazio collettivamente. E che dire del pubblico? Ci segue sempre con entusiasmo, senza dimenticare di essere critico e propositivo.

Finisce una stagione. Che non ci dimenticheremo.

“Salotto”, a stasera!

La 18esima edizione del “Salotto del Mandrogno” si concluderà “dal vivo” dopo alcune puntate online che, comunque, ci hanno permesso di mantenere un contato con i nostri affezionati supporter. Stasera, mercoledì 24, avremo modo di incontrarci nuovamente nell’arena estiva del circolo La Familiare in viale Massobrio, Alessandria. Lo spettacolo comincerà alle 21.30: avremo ospiti alcuni sindaci di Alessandria (Mara Scagni, Rita Rossa, Felice Borgoglio, Giovanni Priano, con contributi scritti di Piercarlo Fabbio e Gianluca Veronesi) e l’attuale vice, Davide Buzzi Langhi, figlio di Francesca Calvo, che fu sindaco negli anni Novanta.

E poi musica con Mara Tinto e chiacchiere con don Pietro Sacchi e Betty Campese, due personaggi… con molte cose da dire.

Vi intratterremo col solito cast fisso (Gianni Naclerio, Franco Rangone, Ugo Boccassi e Gianni Pasino) e con le caratteristiche di sempre, a partire dalla mescolanza tra serio e faceto.

Vi aspetto alla Familiare, dove l’ingresso sarà gratuito. E giovedì, alle 21.30, potrete rivedere lo spettacolo su Radio Gold Tv, canale 654 del digitale terrestre.

Alex e Sylvestre

S’è scritto tutto e anche oltre di Alex Zanardi. Giustamente: è un personaggio straordinario, anzi una straordinaria persona, un eroe dei giorni nostri di cui abbiamo necessità nei momenti di sconforto. Non siamo un popolo così beato da non aver bisogno d’eroi, d’altronde. Ad Alex possiamo solo invidiare le doti umane e augurargli, anzi augurarlo anche a noi, di riuscire a vincere un’altra complicatissima battaglia.

Abbiamo certamente necessità di coraggio, ma anche di emozioni, mettendo in conto che queste, talvolta, possono giocare brutti scherzi. Come è successo a Sergio Sylvestre, un artista che fa notizia perché si è inceppato mentre cantava l’Inno di Mameli prima della finale di Coppa Italia. Ha ammesso di essersi imbambolato per l’effetto della sua voce in un enorme stadio vuoto.

Bisogna voler bene a chi, sensibile, si emoziona e lo ammette. A chi, nel mondo del calcolo e della freddezza, esce, improvvisamente e senza premeditazione, dal binario precostituito. Sapevamo della voce eccellente di Sergio Sylvestre: ora abbiamo scoperto che ha anche altre virtù che non si mettono in curriculum.

Meglio la campagna

Sul “Piccolo” di venerdì 19, raccontiamo storie di giovani che hanno scelto la campagna. Ma non perché eredi di cascine, campi, vigneti. Proprio per scelta “filosofica”. C’è chi si è laureato a Milano, chi ha studiato marketing, chi faceva l’attore a Parigi… All’improvviso, la scoperta del Monferrato per soddisfare l’ambizione di migliorare la qualità della vita, tra lumache, api, ciliegie, verdura…

Sono cinque storie diverse tra loro, ma collegate da un interessante filo rosso che fa dire a noi rurali (per nascita e residenza) che siamo fortunati a godere del verde, cosa apprezzata ancor più in epoca di “lockdown”, quando il Covid ci ha costretto a starcene rintanati.

I sindaci al “Salotto”, il 24

Stiamo lavorando per un “Salotto del mandrogno” per concludere alla grande la 18esima edizione del talk show. Raggiungeremo la maggiore età al circolo La Familiare di viale Massobrio, Alessandria, che ci ospiterà nel suo spazio all’aperto, ovviamente col mantenimento delle distanze.

Succederà mercoledì 24 giugno, alle ore 21.30. Sarà un evento molto speciale: sul palco, tutti i sindaci di Alessandria, dall’attuale Gianfranco Cuttica di Revigliasco ai suoi predecessori. E poi, un contorno di sorprese, per una serata gustosa alla quale vi invito fin d’ora. Ma, naturalmente, vi terrò aggiornati…

Stasera “Salotto”. Ma c’è una novità

Sul sito www.rivaronesi.it trovate tutte le indicazioni per seguire il “Salotto del mandrogno” che, stasera alle 21.15, chiuderà la sua parentesi online, gentilmente sostenuta da Massimo Canonico, indispensabile regista.

Concluderemo questa finestra virtuale, un po’ limitante ma certamente utile a mantenere un contatto col nostro affezionato pubblico, e lo faremo ospitando l’assessore Giovanni Barosini, la giornalista Erica Manna, il cabarettista Marco Rinaldi, la presidente del Fai Ileana Spriano, l’ex modella e ora insegnante di yoga Jessica Guazzotti, il musicista Daniele Sassi, oltre a Gianni Pasino, “disturbatore fisso”.

Vi aspetto in video, dunque. Ma c’è una novità. La 18esima edizione non si concluderà stasera perché il circolo La Familiare di viale Massobrio ci offre la possibilità di un “Salotto” dal vivo, all’aperto. Cogliamo l’opportunità per una grande festa, in tutta sicurezza, per concludere una stagione che il Covid ha reso tribolata. Fra pochi giorni vi comunicheremo la data. Sarà probabilmente di mercoledì; sarà certamente uno spettacolo godibile.

Mercoledì il “Salotto”: ecco chi ci sarà

Mercoledì 10 giugno, alle ore 21.15, ultima puntata online del “Salotto del mandrogno”. Per seguirla, basta copiare nella banda degli indirizzi il seguente link: https://meet.google.com/yom-mwdw-mzf  , oppure seguire le istruzioni sul sito www.rivaronesi.it.

La 18esima edizione del nostro talk show avrà per ospiti, oltre agli immancabili Gianni Pasino e Massimo Canonico, l’assessore di Alessandria Giovanni Barosini; Ileana Spriano, presidente del Fai, che ha candidato a “luogo del cuore” la chiesetta del centro Borsalino, progettata da Gardella; il musicista Danele Sassi; la giornalista Erica Manna di “Repubblica”, la modella Jessica Guazzotti e Marco Rinaldi, cabarettista dei “Soggetti smarriti”.
Lo spettacolo sarà apprezzabile anche giovedì 11 alle ore 21.30 su Radio Gold Tv, canale 654 del digitale terrestre.