Autore: Massimo Brusasco

Casalnoceto, che piacere

Michela si è sbagliata ed è contenta di averlo fatto. Lei è l’organizzatrice delle “Serate sotto il portico”, ovvero gli incontri letterari alla biblioteca di Casalnoceto. Mi disse: “Vieni, ma potrebbe non esserci nessuno”. E io, per fortuna, non mi sono fatto spaventare dal pessimismo (o realismo?). Sono andato e ho trovato molta gente, tenuto conto che si era comunque in un piccolo paese, in una serata feriale, con partita in tivù e distrazioni varie. Ho avuto il piacere di presentare il mio libro “Il raduno dei Gramigna”, di chiacchierare col pubblico, al quale spero di aver fatto trascorrere un’ottantina di minuti divertenti. Insomma, è andata bene. E, per questo, non posso non ringraziare Michela, gli altri sostenitori della biblioteca e tutti gli intervenuti. Tornerò in zona presto: sabato 22 sarò a Viguzzolo con la Compagnia Teatrale Fubinese per presentare la commedia “I canonici” al teatro La Fraterna. Se volete informazioni sul libro, consultate questo sito oppure (anche per acquisti)  www.edizionidellagoccia.it.

I Gramigna a Casalnoceto

La mia tournée per presentare il libro “Il raduno dei Gramigna” continua. Stasera, giovedì, avrò modo di partecipare a una manifestazione che da tempo guardo con simpatia: si svolge a Casalnoceto, sui colli tortonesi, si intitola “Serate sotto il portico” ed è organizzata dalla biblioteca comunale, che vi dà appuntamento nei propri spazi di via Volpedo 1. Grazie all’impegno di Michela, avrò modo di raccontare di Cosimo Gramigna e della gruppida di omonimi, che si ritrovano in un piccolo paese del Monferrato, dove arriva anche una piccola cosca mafiosa. Se siete da quelle parte stasera, venitemi a trovare: alle 21 si comincia.

A fine giornata

A fine giornata, un grazie a chi mi ha sopportato stamattina a Felizzano, in occasione della festa del trentennale della Croce verde, a chi ha partecipato nel pomeriggio a Bassignana dove ho avuto il piacere di presentare il mio libro e a chi è venuto ad Altavilla per assistere allo spettacolo di cabaret che ho messo in scena con Maurizio Ferrari e Massimo Faletti. E’ stata una lunga domenica, impegnativa sotto alcuni aspetti, entusiasmante per molti altri: una giornata di solidarietà, chiacchiere, musica, divertimento.  Una bella esperienza, che ho condiviso con parecchie persone, a cominciare dagli organizzatori dei vari eventi:  un grazie collettivo mi sembra doveroso.

Tutto quel che (si) fa domenica

Dopo lo spettacolo di ieri (“I canonici” a Spinetta Marengo), mi sto preparando a una domenica piuttosto intensa. Alle 9 sarò a Felizzano a presentare la festa dei 30 anni della Croce verde: è un’iniziativa a cui tengo molto perché ricordo perfettamente quando l’associazione è stata fondata. E, diciamo così, da giornalista ne ho seguito  il percorso e i progressi per tutto questo tempo. Sarà una festa di premi, ricordi, amicizia. Alle 15.30, poi, vi aspetto a Bassignana per la presentazione del libro “Il raduno dei Gramigna”, nella speranza di ripetere il successo riscontrato quando ebbi il piacere di presentare il mio libro precedente. Se poi volete un po’ di musica e cabaret, l’appuntamento è alle 18 ad Altavilla, nell’ambito della festa organizzata dalla Pro loco. Sarò in scena con Maurizio Ferrari e Massimo Faletti: ci divertiremo.

I Canonici dagli Evangelici

Stasera, venerdì 14 settembre, alle ore 21, la Compagnia Teatrale Fubinese si esibirà a Spinetta Marengo dove, su invito della Chiesa evangelica, porterà in scena “I canonici” che ho avuto il piacere di scrivere e di interpretare con Maurizio Ferrari, Marina Roncati, Massimo Bosia, Franco Mordiglia, Paolo Tafuri, Giuseppe Balestrero, Gian Pietro Brusasco, Franca Reposio, Angelo Balestrero e Flavia Bigotti che, per l’occasione, sostituirà Claudia Capra. Ci vediamo a Spinetta, dunque, con qualunque condizione meteo. Saremo al coperto ed entrerete gratis

Intenso settembre

Da Altavilla a Viguzzolo, da Coniolo a Spinetta… Per la Compagnia Teatrale Fubinese sarà un settembre intenso, con due repliche della commedia “I canonici”, due di “Si siamo aggiustati tutti bene” (con sforamento a ottobre) e la proposta di “Va là che vai bene”. E, intanto, stiamo lavorando per la 22esima edizione di Fubine Ridens. Nell’immagine, il riassunto della nostra attività.

Teatro, cosa succede

Sconfortato dalla situazione del Teatro Comunale di Alessandria (leggo post su Facebook) e sostanzialmente d’accordo con l’assessore che promuove i “grandi eventi” della città (continuo a leggere su Facebook, ma tra poco smetto), vi racconto del teatro e degli eventi che, inevitabilmente, mi premono (non che sia disinteressato al resto…). Per la Compagnia Teatrale Fubinese sarà un periodo impegnativo. Due repliche dei “Canonici” e due di “Si siamo aggiustati tutti bene” in meno di un mese. La prima commedia sarà rappresentata il 14 settembre a Spinetta Marengo (Casa Rossetti) e il 22 settembre a Viguzzolo (teatro La Fraterna).  Con “Si siamo” vi diamo appuntamento venerdì 28 settembre  a Coniolo (teatro dell’oratorio) e il 6 ottobre a Castellazzo (in occasione della prestigiosa sagra della zucca). Non solo: domenica 16, alle 18, saremo ad Altavilla con lo spettacolo musical-cabarettistico “Va là che vai bene”. E il 20 ottobre comincerà una nuova edizione di “Fubine Ridens”. Per il debutto, una novità:  per la prima volta sarà ospite la compagnia Rouge et Noir di Torino con la commedia “Quel solito sabato”. Se vi interessano aggiornamenti, seguiteci su questo sito.

A Felizzano, anche se piove

Le previsioni meteo non confortano, e allora si corre ai ripari. Anzi, al riparo. La serata d’esordio della festa dell’associazione sportiva, in programma oggi a Felizzano, si svolgerà comunque: cena sotto i portici di piazza Paolo Ercole e spettacoli all’interno della palestra. La serata, che mi avrà tra gli artefici, segna il debutto di una nuova compagnia teatrale felizzanese che presenterà la pièce ‘La saponificatrice’. Al termine, spazio alla musica con i Soulbrick e al cabaret con i Due di quinta. La manifestazione proseguirà domani e domenica. Intanto, vi aspetto stasera. Occhio alla ztl (niente auto in via Paolo Ercole)  e portatevi appresso la voglia di divertirvi.

L’abitudine allo schifo

Ho visto su Facebook che il mio amico Sergio ha pubblicato una foto molto simile a quella che ho scattato io. D’altronde entrambi, oggi, abbiamo percorso in bici la stessa stradina sterrata, lui da Felizzano verso Solero, io dalla parte opposta. Entrambi siamo stati colpiti dai giocattoli abbandonati sul ciglio: una jeep e una moto, piuttosto voluminosi. Noi ci siamo fermati e abbiamo fotografato, per la curiosità degli oggetti.  Non l’avremmo fatto con materassi, televisori, sedie, mobili, scarti di edilizia… perché non particolarmente attraenti, dal momento che ce ne sono fin che mai, in campagna e sui marciapiedi. Abituarsi allo schifo non è una gran cosa. Fa il pari con la mancanza di indignazione. E’ su questo, forse, che dovremmo riflettere (dopo aver biasimato gli incivili).

Grazie, Cuccaro

Un grazie sincero a tutti quelli che, domenica sera, sono venuti a Cuccaro a vedere lo spettacolo della Compagnia Teatrale Fubinese. Grazie anche da Iccio, Doriana, Anna, Cesare, Beppe, Ricky, Flavia, Paolo, Franco, Lidia, Giancarlo, Gianpietro, Angelo, Claudia… Chi sul palco, chi dietro le quinte, chi tra il pubblico, comunque una bella squadra che si è divertita e che, a quanto risulta, ha fatto divertire il numeroso pubblico con la pièce “Si siamo aggiustati tutti bene”. Un grazie, poi, alla Pro loco che ci ha ospitato. Insomma: siamo contenti. E adesso, pronti con il ritorno dei “Canonici”, commedia che sarà proposta il 14 settembre a Spinetta (casa Rossetti, via Maruera) e il 22 a Viguzzolo (teatro La Fraterna). Ps: grazie anche a Pina per il consueto reportage fotografico.