Tag: compagnia teatrale fubinese

Ultimi posti

Ancora pochi posti per assistere alla commedia “Si siamo aggiustati tutti bene” che la Compagnia Teatrale Fubinese porterà in scena sabato 14 e domenica 15 aprile  alle ore 21.15 al Teatro dei Batù di Fubine. Il “numero zero”, venerdì scorso a Rivarone, ci fa ben sperare: il pubblico si è divertito e noi siamo stati soddisfatti. Siamo pronti per la doppia replica del weekend. Vi aspettiamo. Prenotatevi allo 0131 778461 o scrivetemi a massimobrusasco@libero.it. Ps: un grazie a Bruno per il servizio fotografico e a Valter per le riprese.

Verso il debutto

Il 6 aprile, la Compagnia Teatrale Fubinese debutterà con  “Si siamo aggiustati tutti bene”, una commedia nuova di zecca che ho scritto ispirandomi a quanto accaduto a Coniolo nel 1927. I dettagli sullo spettacolo li trovate in questo sito. Vi do appuntamento alle ore 21.15, a Rivarone, paese che già lo scorso anno ci ospitò per il “numero zero” della pièce “I canonici”, che tante soddisfazioni ci ha dato e che non è ancora archiviata (la proporremo sabato 7 aprile al Teatro della Juta di Arquata). I giorni che precedono la “prima” sono indubbiamente “caldi”. Si limano i dettagli, si perfeziona la scenografia, si verificano i costumi. E si ripassa il copione. Essendo dilettanti, ci muove unicamente la passione per quest’arte che la Compagnia coltiva dal 1981. Non posso che augurarmi che possiate apprezzare i nostri sforzi. Il 14 e il 15 aprile saremo a Fubine, al  Teatro dei Batù. Vi invito a prenotare il posto telefonando allo 0131 778461, oppure scrivendo a massimobrusasco@libero.it.

 

E che buon teatro sia

Oggi, 27 marzo, è la Giornata mondiale del teatro. Gli auguri si impongono a chi recita, a chi dirige, a chi pensa alle scenografie e alle luci. A chi scrive i testi, a chi li adatta, ai costumisti. A chi col teatro vive e a chi il teatro cerca di non farlo morire. Ai professionisti e ai dilettanti, a chi investe denaro e a chi investe tempo. A chi sottrae spazio ad altro (o ad altri…), facendo sacrifici, a chi confida nella Siae, a chi la Siae la deve pagare, a chi fa ridere, a chi fa piangere, a chi fa riflettere. E’ la festa degli insegnanti di recitazione e trucco e degli allievi che cercano di imparare. Vorrei fosse la festa, soprattutto, degli spettatori, con l’augurio che siano mossi  sempre da curiosità e consapevolezza, e che abbiano voglia di vincere la pigrizia e uscire di casa per andare in quei luoghi magici dove ogni sera è diversa dall’altra e non c’è spettacolo identico al precedente (anche se si chiama replica). Buon teatro, infine, alla mia Compagnia. Esiste dal 1981; se procediamo, è perché, comunque, ne vale la pena.

Stasera al San Francesco

Sono lieto di annunciare che stasera, sabato 20 gennaio, la Compagnia Teatrale Fubinese si esibirà ad Alessandria, al teatro San Francesco, in via San Francesco d’Assisi. Alle ore 21.15 proporremo la nostra commedia “I canonici”, una pièce ormai collaudata che speriamo piaccia anche… nel capoluogo. Mi auguro che il pubblico intervenga numeroso per il fine benefico della serata; il ricavato, infatti, andrà all’associazione Sie (Solidarietà internazionale emergenze) che lo devolverà a favore di progetti dedicati a donne alessandrine in difficoltà. Vi aspettiamo, dunque, con la promessa di un’ora e mezza di divertimento.

 

A Oviglio stasera con nuove gag

Dopo un bel po’ di tempo (ma tanto, eh), la Compagnia Teatrale Fubinese torna a Oviglio. E lo fa con “Va là che vai bene”, la proposta musical cabarettistica che porto in scena con Maurizio Ferrari e con il chitarrista tuttofare Massimo Faletti. Appuntamento stasera, sabato 14 ottobre, all’asilo di via Pagliari; alle 19.45 comincerà l’apericena, poi ci saremo noi. Con qualche novità di repertorio: se non rinunceremo a parodia che ormai ci accompagnano da tempo, proporremo, per la prima volta, nuova gag che speriamo possano avere la fortuna di quelle vecchie. Noi vi aspettiamo; la Pro loco ovigliese anche.

I prossimi appuntamenti con “I canonici”

A beneficio di chi si fosse perso la nostra commedia e volesse venirci a vedere, ecco le prossime date de “I canonici”, il nuovo spettacolo della Compagnia Teatrale Fubinese. Domenica 28 maggio, alle 17, saremo a San Michele, Alessandria (Sala polifunzionale di via Remotti), in occasione della Festa dei gemelli; venerdì 9 giugno alle ore 21, ci troverete al parco della torre storica di Masio; il 17 giugno, sempre alle 21, avremo il piacere di esibirci all’oratorio di Cantone Chiesa della frazione Casale Popolo; la sera successiva , ossia domenica 18, torneremo a Felizzano, in piazza Paolo Ercole.

IMG-20170410-WA0034

Il 35esimo anno, bella storia

Ieri sera, a Vignale, abbiamo proposto l’ultimo spettacolo del 2016, un anno importante per la Compagnia Teatrale Fubinese, essendo il suo 35esimo di attività. 35 anni sono molti: significa un’infinità di riunioni, serate di prove, palchi, discussioni; ma anche confronto con decine di “colleghi” attori, centinaia di amici incontrati, migliaia di spettatori… Significa, poi, legami forti, entusiasmo, voglia di fare per il proprio paese e non solo, un paese che ora ci ha messo a disposizione un nuovo spazio teatrale, piccolo gioiello che poche compagnie possono vantare. L’ultima performance ci ha visto esibire “solo” in versione trio, con uno spettacolo che portiamo in scena io, Maurizio Ferrari e Massimo Faletti. Una chitarra, due voci, gag, canzoni d’autore e parodie: un mix collaudato e vincente, che fa divertire. Anche ieri, il pubblico che ha aderito all’invito dell’Avis ha dispensato applausi e risate. E’ questo, fondamentalmente, il carburante di un motore che tornerà a girare nel 2017, anno della nuova commedia “I canonici”, ma anche di altre iniziative. La prima? “Fubine Ridens” il 14 gennaio, preludio alla Giornata del dialetto che sarà il 17 e che ci vedrà partecipi.

tutti

Venerdì 30 si recita a Vignale

Sarà ancora una volta Vignale, come da piacevole tradizione, l’ultima tappa dell’anno della Compagnia Teatrale Fubinese. A invitarci, stavolta, è l’Avis che festeggia la ripresa dell’attività invitandoci per uno spettacolo che si svolgerà venerdì 30 alle ore 21.15 nell’aula Cavour di piazza del Popolo. “Va là che vai bene” è il titolo che abbiamo dato a uno show estemporaneo, fatto di gag e canzoni, un po0′ di italiano, un po’ di dialetto, molto buonumore garantito da Maurizio Ferrari e Massimo Faletti, che mi accompagneranno in quest’ultima, piacevole, fatica del 2016. Che poi, quando ci si diverte… non è mica così faticoso. Mi auguro di vedervi numerosi, per festeggiare insieme, con qualche ora d’anticipo, l’arrivo dell’anno nuovo.

iccio2

La scommessa del 2017: “I canonici”

Ci hanno raccontato la storia dei canonici di Lu e, soprattutto, la genesi del quadro che Pier Francesco Guala dedicò loro nel 1748, e ci venne un’idea balzana: facciamone una commedia. La nuova produzione della Compagnia Teatrale Fubinese, al debutto nella primavera 2017, sarà appunto “I canonici”, testo (mio) ispirato dalle vicissitudini che videro protagonisti i preti luesi che, per intercessione del cardinale Giacomo Millo, indussero papa Benedetto XIV a concedere loro la possibilità di indossare la cappa magna. Alla decisione pontificia seguirono tre giorni di festa smodata, preludio alla convocazione del Guala, autore dell’opera che, da settembre 2016, impreziosisce il Museo di arta sacra di Lu, dopo essere stato conservato per molti anni nel Museo civico di Casale. Il ritorno a Lu è stato celebrato a dovere; mancava giusto una commedia per completare le cerimonie…

Nella foto, “I canonici di Lu” di Pier Francesco Guala, anno 1748.

canonici

L’arte nel nostro nuovo spettacolo

Il   quadro “I canonici di Lu”, capolavoro di Pier Francesco Guala, l’altro ieri è tornato  a Lu Monferrato, dopo anni di esposizione al Museo Civico di Casale. Per Lu è un grande evento che merita di essere festeggiato. E sabato 24 ci sarà una grande festa. Anche la Compagnia Teatrale Fubinese celebrerà l’evento. La nostra prossima commedia, infatti, si intitolerà “I canonici” e sarà ambientata nel 1748, allorché  i canonici luesi ricevettero da  papa Benedetto XIV la possibilità di indossare cappa e rocchetto; la concessione indusse i canonici a festeggiare per tre giorni e a convocare il Guala affinché realizzasse quel ritratto che  fa notizia ancora oggi.  La Compagnia Teatrale Fubinese, dunque, si concede un tuffo nel passato  per raccontare una “storia vera” contornandola di spunti divertenti, propri di un contesto contadino vivace e brillante. Lo spettacolo debutterà nella primavera del 2017.

canonici