Tag: san michele

Ci sono serate che scorrono bene e quella di ieri rientra nell’elenco. Siamo stati a San Michele, invitati dall’Aido per proporre il nostro spettacolo “Va là che vai bene” e pare proprio che il risultato sia confortante. Così almeno ci hanno fatto capire il numeroso pubblico e i responsabili dell’Aido, organizzatori di una serata iniziata a tavola e finita nella sala polifunzionale, dov’era allestito il teatro. Canzoni e cabaret hanno caratterizzato lo show, che ho avuto il piacere di proporre con Maurizio Ferrari e Massimo Faletti. “Va là che vai bene” tornerà domenica 18 novembre alle 15 a Valle San Bartolomeo.

Post scriptum: grazie all’Aido e alla parrocchia di San Michele per l’accoglienza.

“Andiamo bene” a San Michele

“Va là che vai bene” è il titolo dello spettacolo che stasera, sabato, proporrò con Maurizio Ferrari e Massimo Faletti nella sala polifunzionale di San Michele (via Remotti). Siamo stati invitati dall’Aido, per una serata “promozionale” dell’attività dell’Associazione donatori organi. All’Aido sono molto legato: ogni anno presento “Ti dono una canzone”, la festa canora che l’associazione organizza dando spazio a ragazzi delle scuole cittadine. E, dunque, ho accolto ben volentieri l’invito di Nadia Biancato e del suo staff, trovando immediata adesione dai miei compagni di ventura. Insieme vi proporremo canzoni e gag cabarettistiche. Ed eccezionalmente, un omaggio a Genova, città ferita dopo il crollo del ponte Morandi. Vi aspettiamo dalle 21.15, ingresso libero; prima possibilità di cenare prenotando allo 0131 361596.

La calda domenica teatrale

La calura di oggi non era l’ideale per il teatro. Eppure, alle ore 17, nel buono di una domenica tipicamente da piscina, la Compagnia Teatrale Fubinese andava in scena a San Michele con “I canonici” e Federica Sassaroli cominciava la sua esibizione al Teatro Comunale di Alessandria con “Happydemia”. Scrivo da  interessato, come autore di entrambi i testi (in un caso anche attore, nell’altro come coautore, ad essere precisi). A fine performance, tutto sommato, stilo un bilancio soddisfacente: a San Michele, francamente, non si poteva pretendere di più: conforta il fatto che il pubblico si sia divertito. E so che al Comunale le cose sono andate molto bene: d’altronde con Federica non si sbaglia mai. Ci saranno altre e più fresche occasioni, alle quali vi invito fin d’ora.

Canonici Teatro (1)

Due sere con la nostra commedia

Compagnia Teatrale Fubinese alla ribalta, con un doppio appuntamento. Stasera, venerdì 23, e domani, sabato, saremo in scena con “Il paradiso del procione”, la produzione 2016 che ci sta dando grosse soddisfazioni, inclusi i premi ottenuti al concorso Magnoberta di Castelletto Merli. Stasera torneremo a San Michele (Alessandria), invitati dal circolo Acli di via Remotti; è ormai un appuntamento consueto, a cui aderiamo volentieri. Ingresso gratuito. Sabato, invece, ci attendono gli amici di Cà del Sole a Serravalle Scrivia: sotto la chiesa c’è un accogliente (e capiente) teatro in cui abbiamo già avuto l’onore di esibirci. Onorati di essere stati nuovamente scelti per una rassegna sempre molto partecipata. Del “Paradiso del procione” abbiamo scritto più volte; vi rammento solo che il mio testo è dedicato a quei genitori “costretti” ad attendere i figli fuori dalla discoteca, nel cuore della notte. Poiché, però, ci vuol sempre qualcosa di nuovo… ecco in scena Lidia Mordiglia, al debutto nel nostro cast. Si farà valere di sicuro.

img-20160831-wa0014

A San Michele per aiutare i terremotati

Devo ammettere che, quando in redazione lanciai l’idea della cena con l’amatriciana per sostenere le popolazioni terremotate del Centro Italia (colpite dal sisma poche ore prime), onestamente non mi aspettavo che ogni Pro loco, ogni Soms, ogni “qualcosa” si cimentasse in cucina. Però sono stato lieto perché tutto ciò conferma la bontà della proposta, che “Il Piccolo” ha sposato immediatamente, trovando un partner fondamentale nello chef Beppe Sardi, che poi ha coinvolto alcuni colleghi, e un eccellente supporto in don Ivo Piccinini, che ci ha messo a disposizione il bocciodromo di San Michele. Dove, stasera, mercoledì, alle 20, andrà in scena una cena per 300 persone, che sarebbero state molte di più se solo, dal punto di vista logistico, potessimo essere più attrezzati.  Le prenotazioni si sono chiuse con anticipo, al raggiungimento della quota prevista; è un segnale incoraggiante. Così come non possiamo dimenticare il contributo offerto da commercianti e grossisti della provincia grazie ai quali i 15 euro di ogni coperto potranno essere “puliti”:    tramite la nostra Protezione civile, consegneremo l’intero ricavato a persone effettivamente bisognose. Per ora non posso che ringraziare tutti quelli che parteciperanno; lo faccio a nome del “Piccolo” che, nell’edizione di venerdì, vi racconterà l’evento nei dettagli.

beppe