Il teatro senza

Oggi, 27 marzo, è la giornata del teatro. La prima senza attori in scena, la prima senza riflettori che s’accendono e sipari che si alzano. La prima senza spettatori, senza le ansie di un debutto, la fatica delle repliche, i costumi da indossare, il trucco da sistemare. La prima senza manifesti che annunciano, i fotografi che scattano, la gente che ride, si commuove, applaude. La prima senza le critiche e le recensioni, le pacche sulle spalle, le congratulazioni, i registi a dire che “sarebbe potuta andare meglio”, gli autori compiaciuti oppure delusi perché se l’erano immaginata diversamente…

Quante cose mancano in una giornata del teatro senza teatro.

Ma noi teatranti siamo una comunità effervescente, originale, balorda. Non buttiamo via il tempo. Teniamo lontano il virus a colpi di video e iniziative domestiche. Ci sarà chi studia, chi scrive, chi progetta. Chi recita davanti allo specchio, senza abiti di scena ma in tuta da ginnastica. E, quando finirà, saremo pronti a un abbraccio, finalmente.

Massimo Brusasco

View more posts from this author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.