Tag: salotto

Treni, radio e un po’ di Vasco

Devo dire che il centro d’incontro Galimberti si presta molto per uno spettacolo come “Il salotto del mandrogno”. Ieri sera ne abbiamo avuto conferma. E penso che il pubblico abbia apprezzato la proposta, che è stata piuttosto varia. Inizio con Emanuela Falleti, campionessa mondiale (over 40) di doppio di tennis, finale con un Gianni Naclerio  inedito: ha perfino cantato “Albachiara” di Vasco Rossi. In mezzo, molte chiacchiere sull’epopea di Radio West (con Svisa, Paolo Tolu e Laura Bonato,  della quale abbiamo saputo che avrebbero voluto scritturarla per un film porno), sui treni (grazie ad Angelo Marinoni, Giordano Lucato e Giada Pippo), sulla Compagnia del carciofo (col professor Edgardo Rossi e due ragazzi dell’Itis Volta), sui prossimi spettacoli  al palatenda degli Orti (con Gianluca Valorio). Poi, al solito: risate, musica (Franco Rangone non delude mai), sorprese, le curiosità di Ugo Boccassi, le battute di Gianni Pasino… A me la serata è piaciuta, ma sono un po’ di parte. Capirete. Ps: ho riabbracciato Francesco Castellani, uno dei nostri affezionati fotografi: oggi torna in Portogallo, sono contento che, nella breve parentesi italiana, si sia ritagliato uno spazio per venirci a trovare.

Mercoledì sera il “Salotto”

Giada Pippo, Emanuela Falleti Giordano Lucato, Angelo Marinoni, Edgardo Rossi, gli attori della Compagnia del carciofo, Bruno ‘Svisa’ Annaratone, Paolo Tolu e Laura Bonato sanno i protagonisti del “Salotto del mandrogno”, il talk show che, da 17 anni, allieta gli alessandrini (almeno, così si dice…). L’appuntamento è per domani, mercoledì 21 novembre, alle ore 21.30, al centro d’incontro Galimberti, in via Pochettini 3, Alessandria. Vi aspetto con Gianni Pasino, Franco Rangone, Ugo Boccassi e Gianni Naclerio per una serata interessante, in cui si parlerà di treni, si celebrerà Radio West e si racconteranno molte altre cose. Vi aspettiamo… e ci “ascolteremo” su Radio Gold venerdì 23, alle 21.

Il 21 il “Salotto”: gli ospiti

Mercoledì 21 novembre, seconda puntata della 17esima stagione del “Salotto del mandrogno”, nella nuova sede del centro d’incontro Galimberti, in via Pochettini. Mi avvarrò come sempre della  collaborazione dei musicisti Gianni Naclerio e Franco Rangone e degli opinionisti Ugo Boccassi e Gianni Pasino. Inizio ore 21.30, ingresso gratuito. Ogni puntata è dedicata a un mezzo di trasporto: stavolta tocca ai treni.

Ospiti:

Giada Pippo, pendolare; Giordano Lucato della Lucato Termica (ditta di Castelletto Monferrato che ripara locomotive d’epoca); Angelo Marinoni, esperto di treni e ferrovie. E poi: Manuela Falleti, neo campionessa mondiale di tennis (over 40, in doppio), e Edgardo Rossi, docente, scrittore e anima della Compagnia del carciofo (saranno presenti anche alcuni giovani attori).

Sarà celebrata anche Radio West con Paolo Tolu, Bruno ‘Svisa’ Annaratone, Laura Bonato e alcuni deejay della storica emittente.

Radio Gold registrerà la puntata che la manderà in onda venerdì 23 alle ore 21.

Appuntamenti

In rapida sintesi, ecco cosa succede nei prossimi giorni. Venerdì 16, alle 18.30, a Terruggia (Al), avrò il piacere di presentare il mio libro “Il raduno dei Gramigna” nell’ambito degli Aperitivi letterari organizzati da Biblioteca e Pro loco. Ci si trova al Teatro delle Muse. Sabato 17, a Fubine, tornerà la rassegna teatrale “Fubine Ridens”, con ospite la compagnia “Non ho capito” di Tortona, diretta da Giorgio Boccassi, che presenterà la commedia “La cantatrice calva e i suoi amici”. Appuntamento alle 21.15 al Teatro dei Batù di via Longo.  A proposito di teatro: domenica  18, alle 15, sarò a Valle San Bartolomeo con Massimo Faletti e Maurizio Ferrari per proporre “Va là che vai bene”, spettacolo di musica e cabaret, organizzato dall’associazione Gente della valle.  “Il salotto del mandrogno”, invece, riprenderà mercoledì 21  al centro d’incontro Galimberti di via Pochettini (ore 21.30). Tema della puntata: i treni. Ma avremo anche un ampio spazio dedicato a Radio West, emittente alessandrina che ha fatto storia.

Radio West al “Salotto”

La puntata di mercoledì 21 novembre del “Salotto del mandrogno” (ore 21.30, centro d’incontro Galimberti di via Pochettini, ingresso gratuito) avrà una parentesi dedicata a Radio West, la celebre emittente alessandrina che portò in città le atmosfere delle West Coast americana e che organizzò concerti diventati celebri (Vasco, Ligabue, Pino Daniele…). Gli autori di un bel libro dedicato a Radio West, Paolo Tolu e Bruno Annaratone, oltre che Patti Turetta e Laura Bonato, due voci storiche degli albori (primi anni Ottanta) saranno tra gli ospiti di una serata molto scoppiettante che avrà come filo conduttore il treno. Prendete nota… e ci si vedrà.

La settimana

Succedono cose, questa settimana. Ve ne segnalo quattro che mi riguardano. Martedì 16 alle ore 21.30, al centro d’incontro Galimberti di via Pochettini, Alessandria, comincerà la 17esima edizione del “Salotto del mandrogno”, talk show che ho il piacere di condurre. Una decina di ospiti, parole, musiche, divertimento: gli affezionati salottieri non hanno bisogno di descrizioni, tutti gli altri sono invitati. Mercoledì 17 alle ore 21, invece, al Teatro municipale di Pontestura, presenterò il mio libro “Il raduno dei Gramigna” nell’ambito della rassegna Itaca (con me la scrittrice Cinzia Montagna). Sabato 20, inoltre, al Teatro dei Batù di Fubine, il decollo dell’edizione numero 22 di Fubine Ridens: ospite la compagnia Rouge et Noir di Torino che proporrà la commedia “Quel solito sabato” di Francesca Angeli. E domenica 21, infine, la gita a Genova promossa dal “Piccolo”, durante la quale consegneremo denaro al Comitato sfollati Ponte Morandi.

Il Salotto ripartirà martedì 16

Il Salotto del mandrogno ripartirà martedì 16 ottobre, alle ore 21.30, in una nuova sede. Dopo un anno e mezzo alla Familiare (circolo che ringrazio di cuore per l’ospitalità) ci trasferiamo al centro di incontro Galimberti, in via Pochettini 3, grazie alla disponibilità di Vilmo Pastore e del suo staff. Poiché ci siamo spostati, ci è parso quasi logico che il filo conduttore della stagione (la numero 17) fosse: mezzi di trasporto. Cominceremo con l’automobile, per parlare di (eventuali) chiusure al traffico (con l’assessore Paolo Borasio), ma anche di corse (con Gianfabio Forti, Sergio Cassano, Giampaolo Guerci e  Piero Gobbi), e poi spazio alla musica con Cecilia Forti che canterà con la figlia Virginia Caronna. Festeggeremo  la compagnia di musica On Stage, attiva da vent’anni, e don Stefano Tessaglia, autore di un libro su Paolo VI e il Sessantotto. Piatto ricco come sempre, con i contributi di Gianni Naclerio, Franco Rangone e Gianni Pasino. L’ingresso è gratuito. Il resto lo scopriremo. Al Galimberti, non sbagliatevi.

La cena per dirci arrivederci

Ieri ci siamo ritrovati a cena ed è stato un bel modo per chiudere la 16esima edizione del “Salotto del mandrogno”. Riferisco le parole di Anna, nostro punto di riferimento al circolo La Familiare, che ci ospita da un anno e mezzo: “Ti ringrazio per avermi fatto conoscere questo spettacolo che, adesso, seguirò sempre”. Credo sia un bel premio, non tanto per  me quanto per tutti quelli che si prodigano per la messa in scena del talk show. I miei ringraziamenti li trovate in un post precedente.  Con questo voglio solo augurare buona estate a chi si è dato da fare per il “Salotto” e al pubblico che ci ha sempre seguito con attenzione. Ci rivedremo in autunno, credo. Quella di ieri era l’ultima cena, ma solo per stavolta.

L’ora del grazie

Il “Salotto del mandrogno” ha concluso martedì la sua 16esima stagione. Significa 150 puntate, o qualcosa del genere. Significa che sul nostro palco sono passate decine e decine di persone. Significa che, attorno a questo talk show, c’è gente che si impegna. Io sono solo quello più in vista. A bocce ferme e riflettori spenti, è il momento dei grazie. Comincio per forza da Piera Raiteri che, nel 2002, ideò lo spettacolo e ancora adesso lo sostiene da “mamma” di questa bizzarra creatura che nasce una volta al mese-. Un grazie poi ad Anna e a tutto lo staff della Familiare, nuova e accogliente sede; a Gianni Naclerio per il mazzo che si fa ogni volta; a Ugo Boccassi, Franco Rangone e Gianni Pasino, perni del cast; a Tony Frisina (che, in 16 anni, si è perso solo una puntata) e a Francesco Castellani, fotografi di fiducia; agli sponsor (Beauty Star, Fondazione Cassa di risparmio, Comune, Fiori allo specchio), a Radio Gold che trasmette le nostre serate in differita; a tutti gli organi di informazione che parlano di noi; agli ospiti che hanno risposto al mio invito e a chi mi ha chiesto di partecipare, certificando il “valore” del nostro spettacolo; a chi suggerisce, propone, critica in modo costruttivo; al pubblico, sempre numeroso, quasi da record nelle ultime due puntate, l’ultima delle quali si è svolta al Giardino botanico, dove Angelo Ranzenigo ci ha garantito una location speciale… Grazie a chi ho dimenticato e avrà la bontà di perdonarmi. Penso e spero che ci ritroveremo a ottobre. Chissà.

Città viva

Mi riservo un ulteriore post per ringraziare tutti quelli che hanno dato una mano al “Salotto del mandrogno”. Serve uno spazio adeguato. E queste poche righe voglio dedicarle solo a chi ha permesso una chiusura straordinaria del nostro talk show, a cominciare da Angelo Ranzenigo, perfetto gestore della location che ci ha ospitato, ovvero i Giardino botanico. Pubblico delle grandi occasioni, location spettacolare. E il meteo a darci miracolosamente una mano. Poi gli ospiti: Sara Terzano, arpista strepitosa; Gianni Barosini, Irena Mantello, Marcello Canestri, Davide Valsecchi, e poi Andre Cortesi e Tatiana Cirillo che ci hanno offerto una favolosa farinata griffata “La ghiottosa”. Abbiamo raccontato storie di una città viva, dinamica, propositiva, ottimista, solidale, come dimostrato anche dall’iniziativa “Quattro stagioni” (anche questa merita un capitolo a parte). Insomma, chiudiamo la 16esima stagione. E siamo molto felici.