Tag: teatro

La settimana

E’ la settimana del “Salotto” e di Fubine Ridens… e non solo. Si comincia stamani, lunedì, alle 9 con “Calci al pallone”, la consueta rubrica che conduco su Radio Voce Spazio 93.8. Mercoledì 15, seconda puntata del “Salotto del mandrogno” al circolo La Familiare di viale Massobrio: tra gli ospiti lo chef stellato Andrea Ribaldone e l’assessore comunale Cherima Fteita. Venerdì ancora radio con “Il Massimo consentito” alle 12.30 su Radio Gold (88.8 e 89.1), mentre sabato, altro appuntamento con la rassegna di teatro brillante Fubine Ridens: al Teatro dei Batù di Fubine arriverà la Scuola del teatro Baretti di Torino per proporre la divertente commedia “Oh scusa dormivi” di Jane Birkin. Domenica 19 alle ore 17, invece, sarà in scena la Compagnia teatrale fubinese: andremo al Teatro civico di  Trino Vercellese, ospiti della “Rassegna delle commedie allegre”. E proporremo “I canonici”, uno spettacolo che ci sta dando grandi soddisfazioni.

Se non serve la scenografia

A volte la scenografia non serve. Lo scorso anno ne abbiamo avuta prova a Castelletto Merli; al concorso  ‘Magnoberta’, la Compagnia Teatrale Fubinese è stata premiata (anche) per la migliore scenografia. Cosa abbiamo messo sul palco? Nulla. Ci siamo limitati a creare uno spazio affinché il pubblico si potesse concentrare sul panorama di fondo e, al limite, su un paio d’auto che abbiamo utilizzato per dare l’idea del parcheggio. Venerdì 9 giugno alle 21 torneremo a recitare e lo faremo in un posto splendido: il parco della torre di Masio. Sarà questa fortificazione alta 25 metri a  impreziosire il tutto e praticamente non ci servirà  nient’altro.  E domenica 11, alle 18, saremo a Fubine, sempre con la nostra commedia “I canonici”. Ci ospiterà il giardino pensile di Palazzo Bricherasio, una terrazza dalla quale si apre uno splendido panorama. Che sarà, appunto, il fantastico contorno a uno spettacolo al quale vi invito fin d’ora, annunciandovi che si concluderà con un apericena.

Vi siete ricordati di festeggiare?

Ieri, 27 marzo, era la Giornata del teatro. Mi auguro che qualcuno dei miei “colleghi” teatranti se ne sia ricordato e abbia, in qualche modo, celebrato un’arte che pare sempre figlia di un Dio minore. Eppure, anche senza troppi clamori, di cose ne succedono tra le quinte di un palcoscenico. Parlo di noi, ad esempio, cioè della Compagnia Teatrale Fubinese: da 20 anni organizziamo una rassegna, da 35 siamo in attività e, giusto sabato prossimo, proporremo il nostro nuovo lavoro che ci sta impegnando parecchio. Attorno a noi, cioè nel raggio di pochi chilometri, di voglia di teatro se ne respira abbastanza: penso ai molti sodalizi come il nostro, alle rassegne che pian piano crescono, a iniziative come “Teatro a km zero”, proposto per la prima volta, dal Comune di Alessandria, o ad alcuni momenti che definirei “alti”, come il recente “Sorelle Materassi” all’Alessandrino. Senza contare le proposte al Teatro San Francesco e i vari corsi che, dai Pochi in giù, vengono organizzati puntualmente. E poi ci sono le iniziative estemporanee, frutto dell’entusiasmo di qualcuno che, senza l’incombenza della ritualità, prova a mettersi in gioco, recitando. Io penso che il teatro sia questo e altro ancora: il fare, il proporre, il divertirsi, il commuovere, sempre favorendo il “benessere”, da intendersi come crescita intellettuale ma anche, semplicemente, come un momento di svago e di libertà.

Sabato 12, torna “Fubine Ridens”

“La sposa e la cavalla” è una farsa di vecchia data che Domenico Bisio ha ripreso e trasformato in commedia. Domani, sabato, avremo modo di apprezzarne i risultati a Fubine dove, alle 21.15 al Teatro dei Batù di via Longo, la compagnia Carro di Tespi di Fresonara porterà in scena lo spassoso lavoro, interpretato da Valter Nicoletta, Gerry Melucci, Daniela Rocchetta e Nuccia Fulco. E’ il secondo appuntamento della 15esima stagione della rassegna di teatro brillante “Fubine Ridens”, organizzata dalla Compagnia Teatrale Fubinese. Ingresso 7 euro. La commedia si basa su un equivoco: un giovane va a chiedere la mano di una ragazza al padre di lei, il quale, però, pensa che l’interlocutore voglia acquistare una cavalla. Il resto sono sorprese.

sposa

Radio, teatro, Salotto: ecco l’agenda

Ottobre è il mese in cui le “cose” riprendono ufficialmente. In rapida sintesi, allora, vi dico che venerdì 7, tornerò su Radio Gold per una nuova trasmissione, intitolata “Il Massimo consentito”. Andrà in onda dalle 12.30 alle 13, sugli 88.8 fm (in streaming www.radiogold) e sarà l’occasione per trattare, in modo ironico e a volte surreale,  notizie di attualità, con particolare riferimento alla provincia di Alessandria. Mercoledì 12, alle ore 21.30, invece, al circolo Casetta di via San Giovanni Bosco, Alessandria, tornerà il talk show “Il salotto del mandrogno”. Novità della stagione: ogni puntata è dedicata a un decennio, a cominciare dal 2000 per andare a ritroso. Ingresso come sempre gratuito, immutato lo staff di collaboratori. Degli ospiti vi dirò presto. Il 15, invece, ripartirà Fubine Ridens, rassegna di teatro brillante giunta alla 20esima edizione. Ospite la Compagnia di prosa di Quattordio, che proporrà “L’uomo, la bestia e la virtù” di Luigi Pirandello. Lo spettacolo sarà inserito nella tre giorni (14, 15, 16 ottobre) dedicati ai festeggiamenti per i 35 anni della Compagnia Teatrale Fubinese, nel nuovo Teatro dei Batù. Insomma, ce n’è fin che mai…

radiogold

Fiocco rosa: nata rassegna teatrale

La nascita di una rassegna teatrale è un lieto evento da salutare  con il dovuto entusiasmo. A Sarezzano, nel Tortonese, da sabato sarà soddisfatta la voglia di teatro, grazie alla Sms e, per quanto ne so io, all’intraprendenza di Francesca Pasino, con la quale ho avuto molti contatti, ultimamente, perché la “mia” Compagnia Teatrale Fubinese avrà l’onore di aprire il cartellone: lo farà sabato 14, con la commedia “Il paradiso del procione”.  Il 21 maggio sarà la volta del Piccolo Palco di Alessandria con   “Gli allegri chirurghi” di Ray Cooney, mentre il 28,   gli Amici di Montemarzino porteranno in scena la “Donna che balla” di Alberto Contardi. Gli spettacoli cominceranno alle ore 21 e saranno a offerta libera. Mi auguro una partecipazione significativa: se così fosse, vorrebbe dire vincere una scommessa, nata in un piccolo paese dove non ci si vuole arrendere all’apatia e dove c’è chi, per fortuna, aderisce all’appello di chi invita a spegnere la tivù e andare a teatro. Alla mal parata, c’è sempre il videoregistratore…

sarezzano

Portiamo il “procione” a Piacenza

Stasera, 6 maggio, la Compagnia Teatrale Fubinese sarà in trasferta a Piacenza dove, alle ore 21, al Teatro San Matteo, presenterà la commedia “Il paradiso del procione” che ho avuto il piacere di scrivere e dirigere. Torniamo, dopo qualche anno, in Emilia, grazie alla collaborazione instaurata con la compagnia piacentina Quarta Parete, già ospite della nostra rassegna Fubine Ridens. Il legame con altri sodalizi spesso è fondamentale. Ci si scambiano idee, consigli, progetti. E, in questo caso, anche… palcoscenici. Gli amici di Piacenza hanno a disposizione un teatro che è un piccolo gioiello, e siamo ben lieti di partecipare alla loro rassegna “Linea di confine” che stavolta, appunto, ci porta davvero oltre confine. Nel cast di stasera: Doriana Bellinaso, Massimo Bosia, Maurizio Ferrari, Flavia Bigotti, Paolo Tafuri, Giuseppe Balestrero, Daniela Buzio, Marina Roncati, oltre al sottoscritto. Torneremo a esibirci nella nostra provincia   sabato 14 maggio, a Sarezzano, nel Tortonese. Il 20, invece, ci attendono gli amici del circolo Casetta di Alessandria.IMG-20160422-WA0012

Quando si debutta (come stasera, ad esempio)

Spiegare un debutto è sempre complicato. C’entrano le emozioni, qualche timore, la voglia di dimostrare cosa si sa fare, la “liberazione” dopo serate di prove, l’incertezza (piacerà?, non piacerà?), la speranza… Fra qualche ora, quando cioè si chiuderà il sipario a esibizione conclusa, forse sarà più semplice raccontare. Di certo, stasera si debutta con la nuova commedia “Il paradiso del procione”. Partenza da Lu Monferrato, alle ore 21.15, nel salone del Vecchio cinema, dove la Compagnia Teatrale Fubinese, artefice della pièce, offre una serata di divertimento a sostegno delle associazioni ‘Stella bianca-Laura Garavelli’ e Sie, da tempo impegnate per portare conforto a popolazioni dell’Africa. Sulla commedia avrò modo di raccontarvi; o meglio: avrete modo di vedere, mi auguro. Quel che mi preme adesso – a poche ore dalla prima – è ringraziare chi in questi mesi è stato al mio fianco, mi ha seguito, assecondato, accettandomi come autore, poi come regista e pure come (smemorato) compagno di palcoscenico. Mi riferisco a Massimo Bosia, Maurizio Ferrari, Doriana Bellinaso, Flavia Bigotti, Giuseppe Balestrero, Daniela Buzio, Marina Roncati e Paolo Tafuri, sul palco per la prima volta; e poi Giancarlo Devidi, Cesare Langosco, Lidia Mordiglia, Gian Pietro Brusasco e tutti quelli che collaborano con una Compagnia che, malgrado i 35 anni di attività, non ha intenzione di fermarsi. Si riparte, dunque. Stasera. A Lu.

DSC_9263