Vi siete ricordati di festeggiare?

Ieri, 27 marzo, era la Giornata del teatro. Mi auguro che qualcuno dei miei “colleghi” teatranti se ne sia ricordato e abbia, in qualche modo, celebrato un’arte che pare sempre figlia di un Dio minore. Eppure, anche senza troppi clamori, di cose ne succedono tra le quinte di un palcoscenico. Parlo di noi, ad esempio, cioè della Compagnia Teatrale Fubinese: da 20 anni organizziamo una rassegna, da 35 siamo in attività e, giusto sabato prossimo, proporremo il nostro nuovo lavoro che ci sta impegnando parecchio. Attorno a noi, cioè nel raggio di pochi chilometri, di voglia di teatro se ne respira abbastanza: penso ai molti sodalizi come il nostro, alle rassegne che pian piano crescono, a iniziative come “Teatro a km zero”, proposto per la prima volta, dal Comune di Alessandria, o ad alcuni momenti che definirei “alti”, come il recente “Sorelle Materassi” all’Alessandrino. Senza contare le proposte al Teatro San Francesco e i vari corsi che, dai Pochi in giù, vengono organizzati puntualmente. E poi ci sono le iniziative estemporanee, frutto dell’entusiasmo di qualcuno che, senza l’incombenza della ritualità, prova a mettersi in gioco, recitando. Io penso che il teatro sia questo e altro ancora: il fare, il proporre, il divertirsi, il commuovere, sempre favorendo il “benessere”, da intendersi come crescita intellettuale ma anche, semplicemente, come un momento di svago e di libertà.

Massimo Brusasco

View more posts from this author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.