L’astemio che degusta vino

Sto leggendo un libro molto intelligente, simpatico e istruttivo. Si intitola “Stappato”, lo ha scritto Tiziano Gaia che, pur essendo (stato) astemio, è entrato nel clan di Carlin Petrini e ha fatto l’assaggiatore di vini per celebri guide dedicate all’enologia. Oggi, domenica, alle 16, avrò il piacere di presentare “Stappato” a Vignale Monferrato, in occasione del Festival dei vini. Ci troveremo in biblioteca (piazza del Popolo), dove spero di trovare il pubblico che questo libro merita. Gaia (che non c’entra con il Gaja più noto) tratta con acume un mondo dove spesso l’apparenza è più della sostanza e le storture sono all’ordine del giorno. Smitizzare è il verbo che fa da filo conduttore a una pubblicazione che piace anche agli astemi (come me, ad esempio).

Massimo Brusasco

View more posts from this author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.