Tag: fubine

Vi aspetto stasera alla Corrida

corr

C’è fermento. Si dice sempre così, mi pare. Stavolta però c’è davvero. E’ quel misto di attesa e curiosità. Succede anche quest’anno prima della Corrida, lo spettacolo dei “dilettanti allo sbaraglio” che torna stasera, martedì, nell’ambito della festa patronale di Fubine. Francamente non so bene cosa succederà: ho sentito prove di canto, visto gente recitare, mi dicono di balletti. Mi risulta che sul palco salgano veterani ma anche debuttanti assoluti. Diciamo che sono curioso quanto molti di voi. La novità  sarà la band dal vivo, che aggiunge valore allo spettacolo. L’ingresso è a offerta  libera, con parte del ricavato la Compagnia Teatrale Fubinese, che promuove la serata su input della Pro loco, andrà a sostenere le attività dell’oratorio.

Corrida, ci stiamo preparando

corrida1

C’è voglia di partecipare, di divertirsi, di condividere. Lo si farà, anche quest’anno, in una serata speciale, quella della “Corrida” che torna nell’ambito della festa patronale di Fubine, sulla scorta del successo del 2016. L’appuntamento è per martedì 1 agosto, ai campi Cerrina. La Compagnia Teatrale Fubinese sta lavorando sodo per proporre uno spettacolo adeguato alle attese. E, posso annunciarlo fin d’ora, oltre a “inevitabili conferme”, avremo nuove proposte che garantiscono divertimento. Non solo: per la prima volta, il cast sarà impreziosito dalla band che, dal vivo, accompagnerà quelli che vorranno cantare. Non vi anticipo altro, per ora. Ma voi state pronti al peggio.

 

La partita indimenticabile

C’è una partita indimenticabile nella mia piccola storia di sportivo. Era il 1988, era Bosco Marengo. Un rampante Sporting Fubine allenato da Franco Raimondo sognava l’ingresso (per la prima volta) in Seconda categoria; di fronte, in uno spareggio di tensione, il Carpeneto. Finì 3-0 per i nostri. E fu festa, una baldoria alla quale partecipò anche Marco Abrardo, 18 anni compiuti da poco, un artefice di quella promozione straordinaria perché sorprendente, eccezionale perché carica di entusiasmo. Fece gol, come spesso gli era accaduto. Aveva davanti ottime prospettive, lui attaccante mancino, bravo anche di testa. Un talento che magari non sarebbe arrivato lontanissimo, ma un poco sì, di sicuro. Marco se ne sarebbe andato per sempre a fine giugno per un incidente stradale, nel quale perse la vita anche Beppe Alcamo, un altro amico, anch’egli col calcio al vertice della piramide delle passioni. La partita tra Fubine e Carpeneto venne diretta  da un signore che era in tribuna come spettatore. Si chiamava Stefano Farina, arbitro della sezione di Novi Ligure. Poiché la terna, attesa da Torino, non arrivò mai al campo di Bosco, i dirigenti della federazione si rivolsero a lui, che aveva trascorsi in categorie superiori e futuro davanti. Dimostrò tutte le sue doti, anche quel dì, come avrebbe poi, anche da arbitro internazionale. Farina è morto ieri. Aveva solo 54 anni. E’ stato anch’egli uno dei protagonisti della mia partita indimenticabile, disputata quando lo spazio per i sogni era grandi, anzi enorme.

farina

Canonicamente

20170401_I_canonici-014

Continuo a raccontarvi di teatro, ma siamo nel pieno dell’attività. Quindi mi giustificherete. Siamo reduci dalla prima delle due serate fubinesi della nostra nuova commedia, intitolata “I canonici” e mi piace condividere la soddisfazione non solo per avere recitato davanti a una platea gremita, ma anche per la riuscita della pièce, pur con le imperfezioni delle quali speriamo si sia accorto  più chi è stato sul palco che chi ha assistito allo spettacolo. Stasera (domenica) la Compagnia Teatrale Fubinese replicherà: alle 21.15 si aprirà di nuovo il sipario del Teatro dei Batù di Fubine e sarà riproposta la storia dei canonici e del quadro che li raffigura, ovvero quello realizzato da Pier Francesco Guala nel 1748. Mi dicono che anche stavolta  ci sarà il tutto esaurito. Sono contento.

 

Ci siamo

Ebbene sì, ci siamo. Dopo il “numero zero” di sabato scorso a Rivarone, la commedia “I canonici” è pronta al debutto ufficiale. Succederà stasera, sabato, al Teatro dei Batù di Fubine dove, alle ore 21.15, si alzerà il sipario, con la Compagnia Teatrale Fubinese grande protagonista. E’ annunciato il tutto esaurito e la cosa ci riempie di gioia: significa che la gente ci segue e che c’è interesse attorno a una pièce tutto sommato anomala per i nostri standard, dal momento che si rifà a un fatto storico, attorno al quale mi sono permesso di romanzare. “I canonici” narra la genesi del quadro “I canonici di Lu” che Pier Francesco Guala realizzò nel 1748.  Faremo un tuffo nel passato, con i nostri bei vestiti da prete, completati dalle cappe magne, autentico valore aggiunto… visivo. Per tutto il resto, l’invito è venire a teatro. Domenica replicheremo, stesso posto, stessa ora, con probabile sold out. Se volete informazioni non esitate a chiamare lo 0131  778461.

20170401_I_canonici-026

Il paese che risponde “presente”

amatrice

Sabato, quattro fubinesi sono stati ad Amatrice per consegnare due casette prefabbricate acquistate grazie alle iniziative svoltesi in paese, oltre a generose offerte. “Fubine Solidale” ha dato risultati straordinari: 15.500 euro raccolti, due casette acquistate e trasportate nelle zone del terremoto. Non ci si ferma qui, perché – come ci hanno raccontato testimoni oculari – i bisogni sono infiniti e le richieste numerose. Quel che mi piace sottolineare è la risposta di un paese agli input delle associazioni che, mosse dall’emergenza,  hanno deciso di darsi da fare. Fubine ha risposto ancora una volta “presente”, confermandosi un paese un po’ speciale. Litigioso, certo, ma anche solidale, impegnato, deciso. La mente torna al 1976 quando, per aiutare il Friuli martoriato dal sisma, a Fubine si costruì una casetta che venne donata a una famiglia in difficoltà. Sono passati quarant’anni, lasso di tempo in cui molto è cambiato, ma non la cultura del donare, che ci è decisamente congeniale.

amatrice

 

Fubine c’è (per quanto possibile)

terremoto

Si intitolerà, molto probabilmente, “Fubine c’è” la grande giornata che le associazioni e il Comune di Fubine stanno organizzando per raccogliere fondi da destinare a un progetto a favore delle popolazioni terremotate del Centro Italia. Il 9 ottobre, il paese sarà teatro di molte iniziative, dal mattino alla sera, all’insegna dello sport, dell’intrattenimento, dello spettacolo, senza dimenticare cibo e vino. Stiamo lavorando per definire il programma; per il momento mi piace constatare che le associazioni che, finora, ho coinvolto hanno aderito con entusiasmo alla proposta. E così il Comune e la Parrocchia. Non è la prima volta che Fubine si cimenta in un’iniziativa simile; d’altronde siamo un paese dinamico, sempre foriero di proposte, affatto propenso a tirarsi indietro. Nemmeno stavolta deluderà. Il denaro raccolto verrà destinato, nei giorni successivi, per un progetto mirato. Vi terrò informati; e sappiate che  il concorso di idee è aperto…

terremoto

A Corrida conclusa

corrida1

Ho fatto trascorrere 24 ore, prima del bilancio della Corrida organizzata dalla Compagnia Teatrale Fubinese (festa patronale di Fubine, 2 agosto). Sono servite, le 24 ore dico, per cercare di metabolizzare. E ho capito che le cose che ho in mente stasera sono le stesse di ieri. Non tutto è stato perfetto, i tempi si sono dilatati, ci siamo confrontati con la necessità di riempire uno spazio molto ampio, lo spettacolo ha avuto qualche momento di flessione… Però ci sono anche stati molti complimenti;   ho visto gente ridere di gusto e artisti ormai di “chiara fama” che si sono alternati a ragazzini al debutto. Ho anche  apprezzato il lavoro di tecnici, addetti al palco, gente di supporto, senza la quale lo spettacolo non si sarebbe potuto svolgere; e ho anche plaudito a chi si è messo in gioco, sfidando se stesso e il pubblico. Non ultimo aspetto: abbiamo raccolto 802 euro di offerte, che devolveremo all’oratorio di Fubine. Insomma, dopo tre ore di show, sono uscito dal mio tubo-simil-VeloOk (grazie a Cesare per il costume!) ch’ero soddisfatto. Lo sono ancora, pur nella consapevolezza che si può fare meglio. Lo stimolo al miglioramento sarà fondamentale per farci tornare sul palco l’anno prossimo. Se vi pare una minaccia, sappiate che lo è. (ps: non è escluso che vi racconti qualcos’altro in un post successivo: è una minaccia anche questa).

corrida1

 

Il senso e il non senso della Corrida (di stasera)

dario

Avete presente quando una trasmissione, per il solo motivo che  funziona su Raitré, viene promossa su Raiuno? Alla “Corrida fubinese” è successa più o meno la stessa cosa. La Pro loco ci ha voluto per la festa patronale. E stasera, martedì, noi della Compagnia Teatrale Fubinese e, in generale, tutti quelli che concorrono allo spettacolo, avremo la grande ribalta (ore 21.30, area Cerrina, ingresso gratuito; eventuali offerte saranno devolute all’oratorio). Sarà un bel test, indubbiamente affascinante: lasciamo la nostra “parva sed apta” sede consueta e andiamo “sul largo”. Ci ingrandiamo per garantire sempre il peggio: è una promessa. “La Corrida” è lo show del non senso, che però un senso ce l’ha: vuole fare divertire con genuinità, poche pretese, leggerezza. Partiamo per realizzare uno spettacolo con queste caratteristiche, senza dimenticare che, comunque, Fubine è una fucina di talenti e, vi assicuro, ne avremo la prova tra poche ore. Per il momento posso dirvi che ad aprire la serata sarà il campione in carica, il grande Dario Biollo, indiscusso vincitore del 2015, senza il quale “La Corrida” sarebbe tutta un’altra cosa. Vi aspettiamo, naturalmente: se avete strumenti per fare rumore… portateli, che vi daremo occasione per usarli.

dario