Autore: Massimo Brusasco

Giovani attori sul palco

Si è concluso mercoledì, con il saggio ai Campi Cerrina, il progetto (approvato dal Collegio docenti dall’istituto comprensivo Pascoli di Felizzano) delle classi della scuola primaria di Fubine Monferrato e della Compagnia Teatrale Fubinese per l’anno scolastico 2021-2022. Un percorso in cui circa settanta studenti, dalla 1° alla 5° elementare hanno potuto esercitarsi in tecniche propedeutiche all’attività teatrale come l’improvvisazione, il sapersi muovere sul palco ma soprattutto fare gruppo perché la riuscita dello spettacolo non lo si deve al singolo ma all’affiatamento degli attori.

Lo spettacolo, a cui ha assistito un numeroso pubblico, è continuato con la messa in scena de “Il Re Leone”, del quale si erano già iniziate le prove nel 2019, ma sospese a causa della pandemia. Al termine, il presidente della Compagnia Teatrale, Franco Mordiglia, ha distribuito gli attestati di frequenza a tutti gli allievi. I ragazzi, inutile dirlo, sono stati bravissimi. Lavorare con loro è sempre stimolante. Al progetto hanno partecipato per la Compagnia Teatrale Fubinese Marina Roncati, Claudia Capra, Massimo Bosia, Cesare Langosco, Lidia Mordiglia e Angelisa Balestrero, con la collaborazione per il trucco di Daniela Faletti, Anna Cioffi, Silvia Gaggiano e Flavia Bigotti, del maestro Francesco Cabiati per le musiche e i canti da lui diretti e delle maestre.

Che dire… c’è futuro!

(ps: quelli della foto non sono i “giovani attori” a cui fa riferimento il titolo)

Salotto il 14: gli ospiti

L’ultimo “Salotto del mandrogno” sarà martedì 14 giugno, sempre alle ore 21.30 e sempre al circolo Galimberti di via Pochettini, ad Alessandria (ingresso gratuito). Con una differenza: saremo all’aperto, sul lato opposto rispetto al nostro consueto salone. 

Gli ospiti: Sara Zanotto, chef del ‘Bistrot Cavour’, il sommelier Matteo Bertolino,  due autori  come Mauro Arciduca  e Giuseppe Ravetti, oltre a Bruno Lulani della Fondazione Uspidalét e al medico Vittorio Fusco, che parlerà di prevenzione e iniziative.
E poi l’intervento di Marina Feola, da poco direttore di Confapi (le piccole imprese delle provincia). E per la musica, un ritorno in grande stile: quello del cantautore Dado Bargioni. 

Il fascino delle auto storiche

Dopo due anni, si è tornati in piazzetta della Lega per l’appuntamento con le auto storiche partecipanti al circuito Bordino, giunto alla trentesima edizione. Ho avuto ancora una volta il piacere di presentare l’evento, nel cuore di un’Alessandria che ha apprezzato il rombare dei motori, le scintillanti carrozzeria e quel tuffo nel passato garantito non solo dalle vetture ma anche dagli equipaggi, perfettamente agghindati.

Una manifestazione come questa fa bene a una città dove sono arrivati anche molti svizzeri e francesi. Che oggi, con la carovana del Bordino, raggiungono la Liguria e che domani chiuderanno la kermesse a Frugarolo, paese di Lella Lombardi, unica donna a essere andata a punti in Formula Uno.

Inevitabile, parlando del Bordino, ricordare Vincenzo Abello, portato via dal Covid. Era uno degli esponenti più attivi del club, presieduto da Antonio Traversa. Anche Enzo ha meriti se la manifestazione è arrivata a compiere trent’anni, in costante ascesa.

“Ansansà”, grandine e ciliegie

Rivarone, ancora una volta, ci ha accolto con grande partecipazione ed entusiasmo. Anche con le ciliegie, visto che “siamo riusciti”, per una volta, a proporci… nella stagione giusta.

L’importante, però, è che la nuova commedia della Compagnia Teatrale Fubinese abbia avuto successo. Si intitola “Ansansà” e dicono che ci calzi a pennello (indagheremo sul motivo).

Quella di sabato è stata anche una serata di grandine che, per fortuna, non ci ha lasciato alcuno strascico. Il resto sono stati applausi e risate, che gratificano chi sta in scena ma anche chi lavora dietro le quinte, permettendoci di esibirci.

Sul palco anche i bambini

Non vi ho mai scritto, o se l’ho fatto è stato in modo sporadico, di un progetto della Compagnia Teatrale Fubinese che coinvolge i bambini. Il merito va soprattutto a Marina Roncati, Claudia Capra, Massimo Bosia e Lidia Mordiglia che, con impegno e passione, stanno seguendo i piccoli, avvicinandoli al mondo del teatro.

I risultati li potremo apprezzare l’8 giugno, al campo Cerrina di Fubine. Un po’ di improvvisazione, qualche esercizio propedeutico e poi il “Re Leone”, grazie anche alla collaborazione di Francesco Cabiati, insegnante di musica.

Al di là dell’appuntamento in sé, conta lo spirito e – credo – il desiderio della Compagnia di fare passi avanti, guardando al futuro.

“Ansansà”, il ritorno

Dopo la tappa nel Cuneese, la Compagnia Teatrale Fubinese torna in provincia di Alessandria per proporre “Ansansà“, la sua commedia più recente. L’appuntamento è per sabato 28 maggio alle ore 21.15, nel Salone dei ciliegi di Rivarone, un paese a cui siamo molto affezionati e che spesso ha ospitato le nostre performance.

Sarò in scena, con Maurizio Ferrari, Claudia Capra, Franco Mordiglia, Giusi Iacono, Cesare Langosco, Claudia Capra, Giuseppe Balestrero, Elisabetta Abbà, Flavia Bigotti e Paolo Tafuri; ci avvarremo della preziosa collaborazione di Lidia Mordiglia e Carla Spano, e confideremo sulla presenza di un pubblico desideroso di trascorrere un paio d’ore di divertimento.

Ci sono di quelle serate

Ormai, qualche serata in archivio la Compagnia Teatrale Fubinese ce l’ha. Molte sembrano uguali tra loro, e in effetti lo sono. Poi ci sono quelle che ti danno quello scossone benefico anche per chi fa teatro “alla nostra maniera”.

Prendiamo ieri. Viaggio in pullman, arrivi a Savigliano, sali su un palcoscenico. Di fronte, lo spettacolo di un gioiellino fatto di platea e di quattro ordini di plachi, uno dei quali destinato al service. E poi i camerini, che sono una rarità per una realtà come la nostra.

Be’, non mi dilungo. La prima trasferta di “Ansansà“, la nostra nuova commedia, ripaga delle fatiche (piacevoli, comunque fatiche) della scrittura, della messa in scena, delle prove… Facciamo che sia la benzina per andare avanti, indipendentemente da quel che costa fare pieno.

Martedì il Salotto: gli ospiti

Due eccellenti cantanti come Serena Torti e Serena Tettoni garantiranno, coi loro musicisti, e coi nostri fidi Ezio Vescovo, Franco Rangone e Gianni Nesto, la colonna sonora del “Salotto del mandrogno”, talk show in programma martedì 17 maggio alle ore 21.30 al circolo Galimberti, in via Pochettini 3 ad Alessandria (ingresso libero, prenotazioni al 339 2445227 o al 347 4774417).

Gli altri ospiti: Francesco Ottoboni, reduce, con altri amici, da missioni in prossimità delle zone martoriate dalla guerra; Paolo Livraghi, autore di un libro sulla toponomastica alessandrina; Luigi Giacchero, che ha scritto “Percorsi d’arte”, segnalando le bellezze della nostra zona e non solo; Peter Larsen, ballerino e coreografo, la cui scuola rappresenterà l’Italia a un evento a Parigi; Luigi Barberis (foto), innovativo barista.

La serata sarà trasmessa in diretta su videoservizi.org e sulla pagina Facebook Video Servizi Tv.

Teatro: pronti per Savigliano

Orgogliosi d’aver ricevuto l’invito per partecipare alla Rassegna teatrale piemontese e del territorio, organizzata a Savigliano, in provincia di Cuneo. La Compagnia Teatrale Fubinese si esibirà venerdì 13 maggio e proporrà la sua nuova commedia, intitolata “Ansansà”, ovvero la storia di arzilli vecchietti che vanno in Liguria a svernare… con tutto quel che può succedere alla notizia che uno di loro è inconsapevolmente e irrimediabilmente malato.

Il teatro Milanollo di Savigliano è un luogo splendido. E noi siamo pronti a portare il nostro dialetto, la nostra verve e il nostro modo di proporci, con entusiasmo e voglia di divertire. Alle 21.30 si comincia…

Aguero, Mancini e Viganò

Venerdì 13 maggio saranno 10 anni dallo storico scudetto vinto dal Manchester City, allenato da Roberto Mancini. Il City non si imponeva in Inghilterra da 44 anni. Al 93esimo minuto di quell’incredibile partita col QPR, Aguero segnò il gol del 3-2. E la Premier si tinse d’azzurro.

Oggi, i giocatori del Manchester hanno ricordato l’evento con una maglia celebrativa dedicata ad Aguero. Io ricordo perfettamente quella giornata. E, soprattutto, la corsa di Mancini, dopo il gol del 3-2, verso l’amico Sergio Viganò, massaggiatore del City e uomo di fiducia dell’allenatore.

Ho avuto il piacere di rievocare l’episodio nel libro “Le mani del mago”, racconto biografico di Viganò e delle sue imprese straordinarie al servizio dei grandi campioni. E’ un volume edito da Bradipolibri, ancora a disposizione scrivendo a acquisti@bradipolibri.it.

Su questo sito, alla sezione “Libri”, tutto quello che c’è da sapere su “Le mani del mago”